Torino International Jazz Festival

luglio 4, 2005 in Spettacoli da Cinzia Modena

Torino ospiterà dal 7 al 12 luglio la XI edizione dell’appuntamento estivo in onore del Jazz: Torino International Jazz Festival.

La rassegna, che prevede 6 grandi concerti (l’anno scorso uno dei protagonisti è stato Pat Metheny, il quale ha fatto brillare di forti emozioni il pubblico accorso numeroso), è organizzata dal Teatro Regio con la direzione artistica di AICS Contromusica.

Il traguardo dell’undicesima edizione testimonia un radicato e crescente interesse nei confronti del festival, della musica Jazz e della cornice torinese. Ospitato nei Giardini Reali, lo si può considerare alla stregua di un appuntamento estivo che si alterna con i ricchi calendari della stagione invernale torinese, quali Linguaggi Jazz o il cartellone proposto dal Lingotto (ricordiamo il concerto di Bollani). Torino & jazz: un connubio sempre più saldo.

Il Torino International Jazz Festival ha tra i suoi obiettivi quello di portare nomi ed esperienze più o meno noti ai più, ma affermati e di gran qualità espressiva e compositiva per gli addetti ai lavori. La base da cui si parte è quella afro-americana. In quest’occasione si offrono sonorità che sono spunti e riflessioni, nonché varianti ed improvvisazioni che nascono, maturano o si sviluppano con passione non solo nella patria del Jazz, e quindi negli Stati Uniti, ma pure in Europa.

Il programma crea dei ponti tra passato presente e futuro, e lascia finestre aperte sul jazz d’oltreoceano, europeo, ed italiano. Come in un condominio, vi sono stanze che offrono ambientazioni differenti, così Torino Jazz Festival è una scatola fatta di tanti compartimenti e cassetti, da cui escono, se aperti, note di ballads, note standards, note familiari patrimonio della storia del Jazz, note sofisticate.

Il programma prevede 6 grandi concerti raccolti in tre serate. Il festival apre il 7 luglio con STEFANO DI BATTISTA QUARTET e NICK THE NIGHTFLY & THE MONTECARLO NIGHT ORCHESTRA con NICKI NICOLAI. Lunedì 11 luglio saliranno sul palco il JOEY DE FRANCESCO TRIO e DIZZY GILLESPIE ALUMNI BIG BAND che avrà un ospite d’eccezione: il trombettista Wallace Roney, erede prescelto da Miles Davis e confermato in quanto tale dalla critica e dal pubblico.

Il 12 luglio, serata di chiusura e gran finale della manifestazione, saranno ospiti: JOE LOVANO QUARTET con la presenza del grande HANK JONES e subito dopo BENNY GOLSON con CEDAR WALTON QUINTET “THE NEW MESSENGERS”.

Di seguito una breve panoramica sugli ospiti del 7 luglio.

STEFANO DI BATTISTA QUARTET

Stefano di Battista è conosciuto alla grande platea dopo la sua performance al Festival di San Remo di quest’anno, vincitore nella categoria Gruppi, insieme alla moglie Niki Nicolai. Sassofonista, il suo talento ha riscontro in campo internazionale: vanta collaborazioni con il pianista Petrucciani e con il batterista Elvin Jones. La sua musica è un mix di tecnica e musicalità espressiva. Presenta al pubblico il progetto “Parker’s mood” da cui l’album omaggio al sassofonista. E’ accompagnato dal pianista belga Eric Legnini, la cui musica armonica si sposa con quella ritmata del batterista André “Dedé” Ceccarelli e del contrabbassista Rosario Bonaccorso.

NICK THE NIGHTFLY & THE MONTECARLO NIGHT ORCHESTRA con NICKI NICOLAI

La Montecarlo Nights Orchestra è una delle formazioni più interessanti della scena nostrana, capace di riproporre con fascino e stile, diversi generi della musica, dal mainstream al Soul Jazz, al Pop raffinato. In occasione del concerto inaugurale della XI edizione del Torino International Jazz Festival, l’orchestra, diretta da Gabriele Comeglio, si presenta sul palco con ben dodici elementi, proponendo un repertorio jazzistico di grande effetto, con i classici di Ellington e Cole Porter. Attualmente sono in tournée per l’Italia con lo spettacolo: Let’s Do It, tributo a Cole Porter.

L’Orchestra conta sull’apporto vocale di Nick The Nightfly, dj di professione, e di Nicki Nicolai. Gli stessi componenti dell’orchestra sono rinnovabili tra i più importanti session men e solisti jazz dell’area milanese. Hanno tutti alle spalle una grande esperienza in fatto di big band, e vantano prestigiose collaborazioni nell’ambito musicale.

I concerti iniziano alle ore 21 e sono tutti nell’area alta dei Giardini Reali (ingresso via Dei Partigiani). I biglietti costano 10 euro (posti a sedere numerati), 5 euro ingresso (in piedi e venduti solo in caso di esaurimento dei posti a sedere).

Per maggiori informazioni

tel: 011/442.47.77

sito Internet www.jazzaicscontromusica.com

Programma

7 luglio

  • NICK THE NIGHTFLY & THE MONTECARLO NIGHTS ORCHESTRA con NICKI NICOLAI

    Nick The Nightfly, voce – Niki Nicolai, voce – Maurizio Maggiorini, Ubaldo Busco, Giulio Visibelli, sax – Emilio Soana, Umberto Marcandalli, trombe –Mauro Parodi, tromboni – Marco Esposito, basso elettrico – Claudio Angeleri, piano – Stefano Bagnoli, batteria – Gabriele Comeglio, direttore

  • STEFANO DI BATTISTA QUARTET

    Stefano Di Battista, sax – Eric Legnini, pianoforte – Rosario Bonaccorso, contrabbasso – Dede Ceccarelli, batteria

    11 luglio

  • JOEY DE FRANCESCO TRIO

    Joey De Francesco, organo Hammond – Jake Langley, chitarra – Byron Landham, batteria


  • DIZZY GILLESPIE ALUMNI BIG BAND diretta da SLIDE HAMPTON, trombone

    Frank Wess, sax alto & flauto – James Moody, sax tenore – Jimmy Heat, sax tenore – Jay Brandford, sax baritono – Justin Robinson, sax alto e flauto – Steve Davis, trombone – Jason Jackson, trombone – Jay Ashby, trombone – Doug Purviance, bass trombone – Eric Gunnison,piano – Diego Urcola, tromba – Claudio Roditi, tromba – Greg Gisbert, tromba – Frank Greene, tromba – Marty Ashby, chitarra – John Lee, basso – Dennis Mackrel, batteria – Roberta Gambarini, voce

    Ospite d’onore: Wallace Roney, tromba

    12 luglio

  • JOE LOVANO QUARTET featuring HANK JONES – GEORGE MRAZ – LEWIS NASH

    Joe Lovano, sax – Hank Jones, piano – George Mraz, contrabbasso – Lewis Nash, batteria

  • BENNY GOLSON – CEDAR WALTON QUINTET THE NEW MESSENGERS

    Benny Golson, sax tenore – Cedar Walton, piano – Philip Harper, tromba – David Williams, contrabbasso – Al Foster, batteria

    di Cinzia Modena