Sensi

ottobre 23, 2005 in Poesie da Cinzia Modena

Una stella

un essere sceso dal cielo

un pensiero vagante neuronale

può essere l’inizio o

niente di più che un barlume di pioggia dorata

vista da lontano, un attimo fugace

e mentre un’orata salta dalle acque di un fiume…

ascoltare, racconti

mescolare ingredienti, essenze

mescere polveri, desideri

sentire

l’energia che pulsa dalle dita e creare

una patina bianca appoggia su di sè

ombre collassate dal cielo, forme informi a occhio nudo

pattini di grandine sulfurea tracciano solchi

righe di confine, contorni

che si stagliano in rilievo

come la spuma bianca delle onde

Lo speziale fa scorrere spezie sulla carta dall’aria

sente i granelli poggiarsi uno a uno

occhi socchiusi li ordinano in immagini orientali

il pugno si chiude per dosare le quantità

dei monti e dei mari e delle pianure indiane

mentre la storia si mescola con la mano creativa

Disegnare un paese e raccontare la sua storia

vivere i suoi conflitti nell’immaginario

Cercare la tela in una nuda e bianca schiena distesa davanti

Farsi catturare dagli aromi sparsi nell’aria e sulla pelle, da granuli

centellinati, picchiettanti come gocce di pioggia

Sentire la conquista inglese farsi strada nel moto agitato di una mano

Attendere l’esito di un palmo aperto che mescola e grida sulla pelle di sangue e di pace

perdersi nel vortice di parole cantate, graffi, immagini, sospiri e profumi

sudore

infine, le parole si esauriscono le spezie sono disperse e la storia…

la storia, lei, continua

Questa poesia ha un suo perchè

Fleeting beauty.

Lei è la causa o la ragion di vita di questi versi.

Un film di pochi minuti, poco più di 14. Di Virginia Pitts. Proiettato a Torino al Festival Internazionale delle Donne.

Pochi minuti di incanto tra spezie e lenzuola ed immagini d’un tempo mentre una donna sparge granelli e polveri colorati sulla schiena di un un uomo e gli racconta la storia della conquista inglese dell’India.

Quella materia si tramuta in arte, in immagini che da compatte veloci diventano …caos, finchè quelle dita non tracciano un nuovo racconto, un nuovo capitolo di storia. Tatuaggi spariscono e si ricompongono…

La storia scorre veloce, come le immagini del film, come le mani della donna sulla pelle dell’uomo, come le parole scandite e subito superate.

di Cinzia Modena