Scrivi il paesaggio del vino

gennaio 12, 2005 in Enogastronomia da Stefano Mola

paesaggio_vinoIn Pavese e Fenoglio il paesaggio della nostra regione, la terra, le colline, si sono fatti parola. Nella natura e nella sua umana trasformazione hanno trovato dialogo, eco, radici, gioco di specchi, sofferenza, incanto, mito. Oggi, vedere il mondo attraverso gli occhiali della televisione è rischio non occasionale. Eppure basta un niente: camminare una mattina presto e stupirsi ancora dell’assenza di suoni artificiali, sferzati dal freddo, capire che c’è qualcosa di più grande, là fuori.

È importante tenere vive le parole per descrivere il paesaggio, accendere di attenzione l’occhio. Una dimensione etica può nascere da un’emozione estetica? Forse solo una speranza. Che se è un fuoco, bisogna mettergli della legna, sotto. Il premio Grinzane lo fa, con un concorso letterario riservato agli studenti delle superiori: Scrivi il paesaggio del vino, articolato in tre sezioni.

La prima è riservata agli studenti delle scuole medie superiori del Piemonte, dove hanno primeggiato Giulia Sottimano (Alba) e Viktor Geleta (Carmagnola). Alla seconda possono invece partecipare gli studenti delle scuole medie superiori di Asti e Provincia: vincitori Giovanni Mareliati (Asti) e Elena Bargetto (Castelnuovo Don Bosco – Asti).

I testi premiati sono stati scelti dalla giuria presieduta da Raffaele Nigro (scrittore) e composta da Roberto Bellato , Anna Martinengo Bologna (produttrice di vini), Bruno Gambarotta (scrittore), Mario Giordano (giornalista), Mario Guidotti (giornalista), Michele Maggiora , Franco Matteucci (scrittore e vicedirettore di Rai Uno) e Giuliano Soria (presidente del Premio Grinzane).

Infine, la terza sezione è invece dedicata a un personaggio del mondo della comunicazione che abbia saputo meglio contribuire alla promozione del paesaggio del vino, quale espressione di uno specifico “made in Italy” dalle molteplici valenze, in Italia e all’estero. Quest’anno il premio è stato assegnato a Giorgio Calabrese, docente universitario, noto nutrizionista e membro dell’Authority Europea Sicurezza Alimentare.

Potremo assistere alla premiazione Sabato 15 gennaio 2005, alle ore 10.30, presso la Cassa di Risparmio di Asti (Piazza Libertà, 23 – Asti). La cerimonia di premiazione sarà preceduta da una tavola rotonda sul tema Giovani, vino e territorio: percorsi culturali, un’occasione per approfondire i molteplici comportamenti giovanili oggi riconducibili al vino e alla sua cultura.

All’incontro, moderato da Roberto Bellato (vicedirettore de “La Stampa”), parteciperanno Gianfranco Berta (produttore), Massimo Donà (scrittore e filosofo), Pietro Gibellini (critico letterario), Piergiorgio Odifreddi (scrittore e matematico), Giuliano Soria (presidente del Premio Grinzane Cavour) e Fabio Troiano (attore). Alla cerimonia di premiazione seguirà una degustazione di prodotti tipici del territorio, selezionati dal Premio Grinzane Cavour.

di Stefano Mola