I giochi paralimpici visti da Arrigoni e Berruti

marzo 12, 2006 in Attualità da Cinzia Modena

In occasione dei IX Giochi Paralimpici di Torino 2006, Italgas presenta – lunedì 13 marzo 2006, il primo libro dedicato allo sport per disabili nelle sale storiche di Palazzo Bricherasio. L’evento si terrà alle ore 18 e saranno presenti l’autore, Candido Cannavò, Tiziana Nasi, Alberto Meomartini.

In contemporanea si terrà alle 19 la presentazione dell’opera di Valerio Berruti, “Se ci fosse la luna”, la nuova installazione sulla facciata di Palazzo Bricherasio per il ciclo OUTSIDE promosso da Italgas.

  • Il libro

    Autore: Claudio Arrigoni

    Titolo: “Paralimpici. Lo sport per disabili: storie, discipline, personaggi”

    Prefazione di Candido Cannavò

    Hoepli editore

    15,00 euro

    Accanto alle molteplici attività di sostegno all’arte e alla cultura Italgas, Partner Ufficiale dei IX Giochi Paralimpici Invernali di Torino 2006, presenta il primo libro dedicato allo sport per disabili.

    La storia, le discipline e il modo di praticarle, le classificazioni della disabilità, i profili dei più importanti atleti italiani e mondiali, i record, l’elenco di tutti gli azzurri vincitori di una medaglia (dalla prima Paralimpiade di Roma 1960 a oggi). Il libro mette in evidenza le particolarità di ogni edizione, ma anche gli indirizzi in Italia per praticare e/o assistere, i riferimenti web in ogni parte del mondo. Insomma è possibile sgolgiare pagien etrovare tutto quello che c’è da sapere sulla pratica sportiva dei diversamente abili, anche in vista dei Giochi Paralimpici invernali di Torino.

    In appendice vengono approfonditi comportamenti, terminologia e linguaggio corretti.

    L’autore, Claudio Arrigoni, è il giornalista italiano più importante sulla materia. Ha vinto il Premio Coni-Ussi 2002, con particolare riferimento all’ideazione della trasmissione SportHandicap su Tele+ (network dove è stato Direttore Sport). Scrive di sport per disabili per il Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport. Ha seguito quattro edizioni della Paralimpiade estiva (Barcellona ’92, Atlanta ’96, Sydney 2000 e Atene 2004) e una di quella invernale (Lillehammer ’94). E’ consulente per la Comunicazione del Comitato Paralimpico Torino2006.

  • L’installazione

    “Se ci fosse la luna”: quattro tele di iuta grezza, lunghe sette metri e larghe un metro e settanta, con sopra disegnate a pastello ad olio le seducenti immagini di quattro ragazzine intente danzare, trasformandosi in “piccole” e flessuose cariatidi della seicentesca facciata.

    L’opera dell’artista trae spunto dalle Olimpiadi invernali 2006 ed in particolare proprio dalle Paralimpiadi.

    Dice Guido Curto, curatore di Outside: “…Berruti però giustamente non ha voluto raffigurare in modo esplicito e banalmente descrittivo gli atleti disabili. Ha preferito dipingere in modo metaforico e allusivo corpi belli e aggraziati nonostante un’evidente “mancanza”. A ben guardare, infatti, le sue pattinatrici-danzatrici sono prive di una parte del corpo, perché mentre le braccia e le gambe sono delineate con precisione nei contorni, il busto viene definito da una macchia di bianco puro. Diventa una parte evanescente di un tutto armonico. Anche la testa non ha una precisa descrizione fisionomica, ma assume invece la forma di una candida luna. Da qui nasce il titolo di quest’intervento: Se ci fosse la luna. Una frase usuale che esprime bene la speranza di chi, pur debilitato in una parte del suo fisico, tuttavia continua sempre a lottare, sperare, sognare.”

  • Italgas

    Lo sponsor, Italgas, è una Società legata in modo particolarmente saldo a Torino, dove è nata nel 1837 e dove ha sede la sua struttura direttiva.

    La forza di questo vincolo sostanziale si manifesta anche in occasione dei IX Giochi Paralimpici Invernali, nei quali Italgas ha voluto assumere un ruolo rilevante, traducendo nei fatti quell’idea di impresa che concilia l’eccellenza professionale con lo sviluppo economico sostenibile e con la condivisione sociale dei grandi eventi, privilegiando le iniziative fondate sui principi della responsabilità sociale.

    La Società garantisce l’alimentazione degli impianti termici al servizio delle strutture sportive nei siti Paralimpici. Soprattutto tiene accese le torce dei tedofori e del braciere. Italgas ha scelto poi di offrire il manifesto ufficiale dei IX Giochi Paralimpici, elaborato da un’idea creativa del Premio Italgas 1992 e Premio Nobel per la Chimica 1996, Sir Harold W. Kroto.

    Per informazioni: www.italgas.it

    di Cinzia Modena