Del Piero e Ibrahimovic non si toccano!

maggio 25, 2005 in Sport da Roberto Grossi

La Juve torna ad allenarsi oggi alla Sisport ma l’attenzione dei media è ormai incentrata sul calcio-mercato. Come ogni anno le voci su acquisti e vendite si rincorrono all’impazzata, in un frenetico via-vai (solo teorico) di cambi di maglia. Ieri Luciano Moggi ha seccamente smentito qualunque ipotesi di trattativa per cedere Del Piero e Ibrahimovic: Non abbiamo mai pensato a vendere Alex – ha dichiarato il dg – perché lui, oltre ad aver dato un contributo fondamentale nella conquista dello scudetto, è un campionissimo e i campionissimi non si vendono. Stesso discorso per Ibrahimovic: ho letto che il Real Madrid ci avrebbe offerto 70 milioni di euro per lo svedese ma la verità è che con il presidente Perez abbiamo un preciso accordo: lui non da fastidio a noi e noi non diamo fastidio a lui. E se Perez fosse veramente interessato a qualche nostro giocatore lo direbbe direttamente a noi e non ai giornali….

A sentire Moggi l’attacco della Juve rimarrà quindi identico anche nella prossima stagione e le illazioni sul presunto arrivo di Cassano e Gilardino vengono rispedite prontamente al mittente: Sono due grandi giocatori – prosegue il ‘re del mercato’ – ma in avanti siamo già a posto. Non vogliamo toccare un reparto che funziona, composto oltretutto da giocatori giovani e ora torna a disposizione anche Mutu, che domenica potrebbe giocare qualche minuto.

Dall’attacco alla difesa. Nel reparto arretrato qualcosa sembra muoversi: il leccese Cassetti, ad esempio, sembra vicinissimo ad accasarsi sotto la Mole. La valutazione dei salentini ruotava attorno ai 4,5 milioni, cifra che Moggi ha limato a 4 inserendo forse nella trattativa il prestito di Legrottaglie. Anche Giannichedda, chiuso in silenzio stampa dopo il discusso episodio che lo ha visto protagonista domenica scorsa contro la Fiorentina, è ad un passo dal vestire la maglia bianconera. Il laziale, svincolato a fine stagione, ha rifiutato di prolungare il contratto con la società romana e la Juve vorrebbe già portarlo in tournee in Giappone la prossima settimana. Lotito però, non ha intenzione di lasciarlo libero prima del 30 giugno. Alla voce partenze è sempre più probabile l’addio di Appiah, dopo l’offerta molto consistente (pare 7 milioni) avanzata dal Middlesbrough.

Intanto Gigi Buffon, in vacanza a Parigi insieme al compagno Thuram, ha espresso il proprio disappunto per essere costretto a seguire la finale di Champions League soltanto in tv: Sono stanco di assistere alle sfide degli altri dal salotto di casa – ha dichiarato il portiere –, sarebbe molto meglio essere in campo a giocare. In ogni caso Milan e Liverpool si sono meritate questo traguardo. Buffon potrà consolarsi domenica prossima al Delle Alpi contro il Cagliari, quando celebrerà lo scudetto davanti ai propri tifosi. Salteranno invece la kermesse i tre uruguaiani (Montero, Zalayeta, Olivera) già volati in Sudamerica per rispondere alla chiamata della nazionale ‘celeste’ impegnata nelle qualificazioni mondiali. Niente saluto finale al pubblico, quindi, per Montero (che ha già preannunciato il suo addio a Torino), dopo una vita (arrivò dall’Atalanta nel ’96) e tanti successi (4 scudetti, 1 Intercontinentale, 2 Supercoppe italiane, 1 Supercoppa Europea) ottenuti con la maglia bianconera.

di Roberto Grossi