Una “Mole Olimpica” per il poster dei Giochi

novembre 27, 2005 in Sport da Cinzia Modena

Sabato 26 novembre è stato presentato a Roma il poster ufficiale di Torino 2006, curato dall’Agenzia Armando Testa

Sabato 26 novembre è stato presentato a Roma, nel corso della trasmissione “Dribbling” (Rai 2), il poster ufficiale di Torino 2006. Il manifesto riporta l’immagine simbolo dei

Giochi Olimpici, la quale verrà esposta durante l’evento in tutti i siti di Torino 2006. Un legame stretto tra visual ed evento sportivo, un’inconfondile individuazione che permetterà di conservane un ricordo chiaro anche al termine delle Oplimpiadi invernali.

Il manifesto verrà prodotto e distribuito dalla Bolaffi, licenziatario ufficiale dei XX Giochi Olimpici Invernali e azienda leader nel panorama collezionistico italiano, a seguito dell’accordo sottoscritto con il Comitato organizzatore delle Olimpiadi di Torino 2006.

Il poster è stata ideato e prodotta dall’Agenzia Armando Testa, alla quale il TOROC ha affidato il compito di riassumere il carattere, i valori e le specificità dei

Giochi Olimpici in un’immagine. Il risultato è stato raggiunto richiamando i segni di distinzione del territorio ed esprimendo, al tempo stesso, lo spirito olimpico, il dinamismo dello sport e l’autorevolezza dell’evento.

«La ricerca della strada creativa – ha dichiarato Marco Testa, presidente dell’Armando Testa – si è incentrata sul simbolo più rappresentativo e conosciuto di Torino, la Mole Antonelliana. L’evento sportivo così straordinario si svolge all’ombra del famoso monumento torinese, il cui stilema è stato ricreato nella forma e nei colori dei cinque cerchi olimpici. Così la Mole, già richiamata nel marchio dei Giochi, con un volo di fantasia, rigida e maestosa sull’arco alpino, si inclina umilmente per diventare anch’essa montagna e suggerire, attraverso uno stile interpretativo simbolico e multicolore, l’idea delle piste olimpiche. Il colore azzurro dell’immagine, grazie a un gioco grafico di negativo/positivo, evidenzia ilprofilo di un’altra mole, questa volta bianca come la neve, su cui poggiano logo e il claim di Torino 2006, Passion Lives Here».

Alberto Acciari, responsabile marketing e comunicazione del TOROC, si è detto particolarmente soddisfatto del prodotto: «Siamo grati all’Agenzia Armando Testa, che rappresenta un’eccellenza creativa del territorio e del Paese, per averci offerto un mezzo così potente, nella sua simbologia, che rafforza ulteriormente l’immagine di Torino 2006. Il respiro dei valori olimpici viene trasposto e riassunto con un forte radicamento territoriale, in una sintesi perfetta di emozione, sport e cultura».

La Mole dunque come simbolo identificativo, forte, vivace e dinamico come lo saranno i Giochi Olimpici e come è la città di Torino.

di Cinzia Modena