The Tube di AtriumCittà

maggio 26, 2006 in Attualità da Cinzia Modena

Atrium logoLocation: Torino.

Oggetto: incontri e approfondimenti

Dove: Atrium (Piazza Solferino)

Proseguono una serie di appuntamenti ospitati nella struttura di piazza Solforino, Atrium. Incontri di varia natura volti a solleticare la curiosità di una torino che non c’è più, il cd. “com’era”; le esperienze di viaggio reali o di vita attraverso righe di autori raccontate da un attore di teatro. Un Mario soldati svelato attraverso le sue confessioni ed ancora gli adolescenti visti attraverso la lente di Benjamin Kunkel, l’autore del libro “Indecisione”.

27 maggio, h. 18,00

Square

Racconti di e su Piazza Solforino a cura della Scuola Holden, introduce Dario Voltolini.

Piazza Solferino oggi ospita Atrium, ma prima ha accolto amori, litigi, separazioni e incontri, come ben raccontano fra gli altri Pirandello e Arpino.

Gli allievi della scuola Holden immaginano possibili sviluppi per la location tra passato e futuro.

29 maggio, h. 18,00

Il grande viaggio delle storie

Una conversazione con Giuliano Scabia a cura di Luca Scarlini.

Giuliano Scabia è uno dei protagonisti del teatro italiano. Alfiere di un viaggio che lo ha portato a lavorare con Franco Basaglia, ha tessuto un lungo percorso di trame narrate nei luoghi più diversi, spesso tornando a Goethe e ad altri amati fantasmi del viaggiare.

30 maggio, h. 18,00

Anniversari

Mario Soldati Pride: letteratura a tema di gender.

Giovanni Franzoni legge La confessione di Mario Soldati in collaborazione con L.U.O. – Cassero (Bologna).

Mario Soldati (1906-1999) è stato spesso attratto dalla rappresentazione di identità turbate, come accadeva nel racconto più bello della sua opera d’esordio, “Salmace”.

Giovanni Franzoni legge “La confessione”, straordinario romanzo degli anni Cinquanta, con un’introduzione di Marco Antonio Bazzocchi, docente all’Università di Bologna e autore di Corpi che parlano.

31 maggio, h. 18,00

Indecisione

Incontro con Benjamin Kunkel a cura della Scuola Holden.

Dwight B. Wilberding ha 28 anni, una solida famiglia alle spalle, un lavoro che non lo soddisfa per niente, una ragazza molto bella. Per qualsiasi scelta, anche minima, lancia in aria una monetina. Benjamin Kunkel, giovane autore del romanzo “Indecisione”, fa il ritratto di una generazione di eterni adolescenti.

  • Per informazioni:

    Fondazione per il libro, la musica e la cultura

    Tel. 011 517.53.54

    www.trwbc.it

    [email protected]

    di Cinzia Modena