Proctor

ottobre 12, 2005 in Spettacoli da Simona Margarino

Chris ProctorIf you don’t have a dream… borrow one!” [Strength to Strength, Sara Henderson]

Arriva al FolkClub, venerdì 14 ottobre, il cinquantaquattrenne Chris Proctor. Tedesco d’origine, cresciuto negli Stati Uniti, a Salt Lake City, il musicista è un acclamato compositore, strumentista e arrangiatore che –anche questo si è decantato- ha scelto la chitarra come voce.

Presenterà il suo ultimo CD, The Chris Procter Collection, e un vero spettacolo ci si attende da lui, virtuoso del fingerpicking.

La sua incredibile vena, in grado di attingere sangue da folk, pop, jazz, sonorità classiche e etniche è stata definita, quando tutti i paragoni –con Leo Kottke, Michael Hedges, etc…- erano ormai stati fatti e di meglio veniva a mancare, “Instrumental Americana” o “baroque folk”, nel vano tentativo di categorizzare un semplice esempio di talento.

A chi somigli o da chi tragga –se la trae- ispirazione importa certo meno della ragguardevole intimità che traspare nel rapporto con le corde della sua chitarra.

I suoi video dimostrativi, o didattici che dir si voglia, i workshop sponsorizzatigli dalla Taylor Guitars sono solo la manifestazione di un’immaginazione creativa e comunicatività che vanno ben oltre la pura esibizione.

Mettiamoci dunque ad ascoltare e dimentichiamo il resto.

Chris Proctor in concerto

  • 13 ottobre, Milano – http://www.backline.it

  • 14 ottobre, Torino Folkclub

    Via Perrone, 3 bis – 10122 Torino

    tel. 011.956.1782 – fax 011.955.4546 – [email protected]

    www.folkclub.it

    di Simona Margarino