Misteri antichi e moderni

settembre 14, 2015 in Libri, Net Journal, Primo Piano da Benedetta Gigli

Autore Michele Leone
Titolo Misteri antichi e moderni. Indagine sulle società segrete
Editore Yume
Pagine 192
Prezzo 15,00 Euro

 

Ogni società segreta è una pallida famiglia di vendicatori. Quegli uomini sono stretti da infrangibile giuramento; i loro riti si direbbero il programma dello sterminio; ma la loro amicizia è tenera e soave. Guardateli in viso; scuri e smorti: ma parlate loro della patria, della libertà, della verità, e il loro volto si rasserena,ride d’una luce ineffabile.

Giovanni De Castro

Questo libro è un viaggio attraverso alcune società segrete della storia, dai Cavalieri Templari alla Carboneria, passando per i Beati Paoli e gli Scamiciati. Sono pagine che Michele Leone ha scritto senza pregiudizio, ma con la curiosità di chi vuole conoscere qualcosa e all’inizio della ricerca si pone in uno stato mentale di tabula rasa.

Una società segreta è un insieme di persone legate da un’idea o esperienza comune che agiscono separatamente dalla società civile comunemente intesa ed accettano nuovi membri solo ed esclusivamente attraverso riti o cerimonie di iniziazione o promesse solenni e giuramenti. A partire da questa definizione, volutamente generica proprio per non influenzare il lettore lasciandolo libero di esplorare questo affascinante mondo, l’autore ricostruisce la storia di molte società segrete attraverso fonti storiche documentate, senza dedicarsi a quelle sette o società dedite a culti neo religiosi, satanici o di complotto, ma riscoprendone il significato originale.  Giovanni De Castro afferma infatti che “uno dei più ovvi sentimenti, ispiratori delle società segrete, è quello della vendetta, ma della buona e provvida vendetta, aliena dai rancori personali, assente ove si discute un interesse volgare, che vuol punire le istituzioni e non gli individui, colpire le idee e non gli uomini”.

Da qui Michele Leone parte per un viaggio verso terre sconosciute e misteriose, coinvolgendo il lettore e facendogli da guida lungo un percorso che spesso è pieno di incomprensioni e giudizi aprioristici, ma senza farsi in nessun modo portatore di verità assolute. L’intento è chiaramente quello di fornire spunti per ulteriori riflessioni nella speranza che dopo questo primo viaggio all’interno di un labirinto dove vi sono una pluralità di porte socchiuse su Storia, Tradizione e Iniziazione, qualche lettore possa intraprendere altri viaggi seguendo le proprie inclinazioni e passioni.