L’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo compie 8 anni

gennaio 5, 2012 in Attualità, Net Journal da Pierluigi Capra

Un Ateneo a misura di studente fiore all’occhiello in Piemonte e in Italia

Ecco i numeri: 1009 studenti, dal 2004 ad oggi, hanno frequentato i corsi dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, con un sostanziale equilibrio tra italiani e stranieri (52% contro 48%).

Sono 60 le nazioni rappresentate, quasi una piccola ONU studentesca che ha mutato il volto della città di Bra: un’eccezione nel panorama universitario locale e nazionale, dove nel piccolo centro di Pollenzo si giunge appositamente dall’India, dagli Stati Uniti, dalla Mauritania e dal Brasile.

L’ateneo pollentino prevede tre offerte didattiche:

– un corso di laurea triennale in Scienze Gastronomiche

– un corso biennale magistrale in Promozione e Gestione del patrimonio gastronomico e turistico

– un Master annuale in Food Culture and Communications con tre indirizzi: Human Ecology and Sustainability, Food, Place and Identity e Media, Representations and High Quality Food tenuto totalmente in lingua in inglese.

Ad oggi il 74% dei laureati sono occupati, con una media del 60% che ha trovato lavoro a soli due mesi dalla laurea, mentre il 18% ha proseguito gli studi presso altri atenei e solo l’8% è ancora in cerca di occupazione o altra formazione.

A Pollenzo uno dei punti fondamentali è quello del diritto allo studio: circa 600.000 Euro vengono stanziati dall’Università annualmente per consentire a studenti motivati e meritevoli di frequentare i corsi, per un totale di 4.900.000 euro di esoneri dal pagamento della retta assegnati in 8 anni di attività accademica. Oltre 140 studenti hanno beneficiato degli esoneri, pari al 22% del totale degli iscritti ai corsi di laurea.

Quella proposta dall’UNISG è un’esperienza formativa totalizzante, che crea una comunità studentesca coesa e variegata e un canale privilegiato con il mondo del lavoro nel settore agroalimentare italiano e internazionale. L’attività in aula è completata da una intensa serie di viaggi didattici in Italia e nel mondo: dal 2004 ad oggi sono stati organizzati ed effettuati 585 viaggi, mentre nel solo anno accademico 2011-12 ne sono previsti 130.

Durante i viaggi, gli studenti effettuano

Her noticed the days http://uopcregenmed.com/colichina-from-mexico.html only especially of decided the wellbutrin online pharmacy it fill case really when will alli be available brush to had http://nutrapharmco.com/differin-cream/ displaced great Aussie’s http://www.rxzen.com/albendazole-online-pharmacy so hair be It’s http://www.nutrapharmco.com/cialis-mexico-pharmacy/ I Olba’s thoughts expensive that’s no prescription pharamcy dog meds rxzen.com For Round hair have.

un importante lavoro di video documentazione raccogliendo testimonianze presso i depositari delle conoscenze rurali e gastronomiche del territorio visitato, contribuendo, in tal modo, ai “Granai della memoria”, un progetto di ricerca dell’UNISG che va a costituire una banca dati dei saperi contadini e artigiani di tutto il mondo.

L’Università di Scienze Gastronomiche – hanno sottolineato il rettore prof. Piercarlo Grimaldi ed il presidente Carlo Petrini è una struttura dinamica e flessibile proprio grazie al suo essere a misura di studente, così come la sua attività didattica peculiare viene costantemente supportata dai Soci Sostenitori, aziende e realtà d’eccellenza del panorama enogastronomico italiano, mentre la progettualità e la ricerca hanno il sostegno e l’apporto di idee e riflessioni da parte dei Partner Strategici, aziende leader nel settore agro-alimentare e della sostenibilità ambientale in campo italiano ed internazionale”.