L’osservazione della volta stellata con Morbidelli

novembre 23, 2010 in Technology da Redazione

TelescopiVenerdì 26 novembre Roberto Morbidelli,dell’Osservatorio Astronomico di Torino, terrà una conferenza alle ore 19.00 già previsto dal programma di INFINI.TO. Il tema sarà: Dall’occhio umano all’occhio elettronico. Sarà tracciata una storia dell’esplorazione umana della volta stellata nei secoli e come questa sia mutata con il mutare delle condizioni sociali tecnologiche e cognitive.

Lentamente, ma inesorabilmente, è cambiato anche il rapporto e la “visione” che la nostra specie ha dell’Universo: almeno due grandi rivoluzioni intellettive sono avvenute nel passato, e secondo alcuni una terza, probabilmente, si sta svolgendo oggi in campo astronomico.

La sfida è grande ma anche le risorse umane disponibili da mettere in gioco sono notevoli.

Le conseguenze di questo sono tutt’altro che prevedibili. Telescopi dal diametro di oltre 10 metri, telescopi spaziali, sensori per raccogliere radiazione elettromagnetica inosservabile dall’occhio umano.

Dal primo telescopio di Galileo ad oggi, la corsa per la costruzione di potenti strumenti per indagare il cielo non si è mai arrestata. Cosa ci riserverà il futuro?

Roberto Morbidelli

Funzionario Tecnico Scientifico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica è un Naturalista in servizio all’Osservatorio Astronomico di Torino, nel gruppo di Astrometria, dal 1981.

Dopo un primo periodo di attività osservativa rivolta allo studio delle stelle doppie e alla determinazione delle parallassi trigonometriche mediante l’uso della tecnica fotografica, si è interessato della gestione di dati, archivi e cataloghi astronomici, dapprima mediante lo sviluppo di software dedicato, e poi mediante l’adozione delle, allora nascenti, tecniche telematiche dei Database.

Dal 1985 al 1995 nell’ambito di una collaborazione al progetto ASTRONE realizza e gestisce il polo astrometrico Italiano. Nello stesso periodo approfondisce le proprie competenze mettendo a punto strategie e tecniche di gestione di dati da catalogo in supporto della missione astrometrica Hipparcos. Negli anni successivi partecipa alla messa in rete del I Guide Star Catalogue e, successivamente, partecipa alla realizzazione del II Guide Star Catalogue, realizzato per il puntamento e la guida del Telescopio Spaziale Hubble, di cui è tra gli autori. Il GSCII resta a tutt’oggi il più grande catalogo “all sky”, in termini di numero degli oggetti contenuti, mai realizzato. Nell’ultimo quinquennio, nell’ambito del progetto Gaia, il cui lancio è previsto per il mese di dicembre del 2012, ha il ruolo di “Operation Manager” per la comunità Scientifica Italiana.

METTI UNA SERA AL PLANETARIO

Dall’occhio umano all’occhio elettronico

di Roberto Morbidelli

Museo dello spazio e Planetario digitale

Via Osservatorio 8, Pino Torinese

Ciclo di conferenze

26 Novembre 2010

ore 19.00

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Prenotazioni:

tel. 0118118640 (dal martedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 17.00; sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00).

Apertura biglietteria:

dalle ore 17.45 alle ore 18.45; inizio conferenza ore 19.00.

Costo:

5 euro a persona;

gratuito per: i possessori di Carta Musei e Torino+Piemonte Card, accompagnatori di disabili, bambini sotto i 6 anni.

di Redazione