Le camelie e Locarno in festa

marzo 31, 2006 in Medley da Cinzia Modena

La consueta festa delle camelie che si tiene ogni hanno a Locarno, aprirà le “danze il 29 marzo e terminerà il 2 aprile. Fitto il calendario delgi eventi e delle strutture attivate e protagoniste della festa del fiore olimpico

Locarno camelie 2006La grande festa al fiore della Camelia e che si tiene a Locarno è giunta alla decima edizione. L’evento ha ormai assunto importanza a livello internazionale: l’anno scorso ha ospitato il congresso mondiale dell’ICS (International Camellia Society). Per cinque giorni questo fiore sarà al centro dell’attenzione e della curiosità di visitatori e di studiosi. Saranno presentate ben 300 varietà di camelie, suddivise in diverse specie (japonica, reticultata, ecc..), ibridi e cultivar, provenienti in buona parte dal Parco Botanico del Gambarogno. La festa non è solo “il fiore”. Sono diverse le strutture coinvolte nella festa al fiore che è già stato protagonista, quest’anno, durante i giochi olimpici invernali di Torino:

  • la mostra nella corte e nei locali del Palazzo Società Elettrica Sopracenerina, in Piazza Grande

  • le strade della città: attraverso la neonata via delle Camelie, si potranno, lungo un percorso prestabilito, visitare case e giardini fioriti (oltre a due giardini di antiche ville padronali ad Ascona). Il visitatore vedrà una Locarno addobbata con bandiere, fiori ed altri oggetti che richiamano il tema della festa.

  • gazebo espositivi sulla Piazza Grande, in una configurazione del tutto nuova rispetto le passarte edizioni; spazi-giardino adornati di sculture in granito, opera degli artisti della scuola di scultura di Peccia e Vallemaggia Pietra Viva.

  • il parco. Situato sulla riva del Lago Maggiore, poco distante dal Lido di Locarno è visitabile dalle 9.00 alle 17.00 per tutto il periodo della fioritura.

  • musica romantica dal vivo, appuntamenti complementari e momenti culturali

  • il giardino segreto. Un giardino delle camelie (5 metri per 6) realizzato secondo i canoni del Feng Shui.

  • concorsi, un’esposizione di fotografie, la mostra scientifica e la “tomografia della camelia”

  • Dottor Camelia: a disposizione dei più curiosi, il Dottor Camelia fornirà anche quest’anno consigli pratici per la cura delle piante.

    LOCARNO, LA CALIFORNIA SVIZZERA

    Locarno ha un clima temperato ed un terreno con proprietà particolarmente favorevoli. Questi fattori hanno permesso lo sviluppo di una flora spontanea ed ornamentale unica e rara: lo testimoniano la coltivazione di specie tipiche delle zone subtropicali. La città di Locarno è infatti posizionata nella regione della Svizzera con il maggior numero di ore di insolazione: ben 2164 l’anno; ha una temperatura media annuale che di 11,7°C; l’aria ha un elevato grado di umidità ed il terreno un buon grado di acidità. I parchi della zona presentano fioritura in quasi tutte le stagioni dell’anno. Meritevoli d’attenzione sono: il Parco Botanico del Gambarogno, il Parco Botanico delle Isole di Brissago ed i giardini pubblici Rusca a Locarno.

  • Il Parco Botanico del Gambarogno, nato nel 1960 come vivaio grazie al vivaista Otto Eisenhut, si estende su una superficie di 17mila metri quadrati. Vi crescono, tra le moltissime specie di magnolie, rododendri, peonie e glicini, almeno 600 varietà diverse di camelie. Una di queste porta un nome ticinese: è la varietà di “Camelia japonica Ascona”, registrata sulle Isole di Brissago qualche decennio fa. Si tratta di una varietà particolarmente rustica e resistente al freddo, con una crescita molto vigorosa. La collezione Eisenhut è una delle più ricche dell’intero continente europeo, in particolare per le varietà nate nel ventesimo secolo. Le piante madri raggiungono i sei metri di altezza (www.parcobotanico.ch, www.eisenhut.ch).

  • Il Parco botanico delle Isole di Brissago si trova su un’isola al centro del bacino svizzero e offre impressioni di paesi esotici (copre una superficie di 25.000 metri quadrati). Ospita oltre 1.600 specie vegetali, spesso uniche in Svizzera e in Ticino e una collezione di camelie di specie diverse (www.isolebrissago.ch).

  • I Giardini pubblici Rusca ospitano esemplari ultrasecolari di antichi cultivar dell’ottocento di camelie che raggiungono i sette metri di altezza.

    PARCO DELLE CAMELIE

    E’ la nuova attrazione di Locarno. Il Parco delle Camelie è stato realizzato nella zona lacustre fra la Lanca degli Stornazzi e il Bagno Pubblico. Il visitatore vi può trovare 520 diverse varietà (di cui oltre 400 nomenclate) di Camellia japonica, reticulata e sasanqua nonché Higo e varietà ibride, messe a dimora in 18 aiuole di diverse forme e dimensioni. Il parco è abbellito da uno stagno con giochi d’acqua. Un piccolo gioiello immerso nel verde, fra pioppi, roveri e pregiate piante ad alto fusto.

    STORIA DI UNA FESTA DI POPOLO

    La Festa delle Camelie, così denominata fin dalla prima edizione, svoltasi nell’aprile del 1924, è stata per molti anni una corale festa di popolo, con cortei fioriti e spettacoli coreografici e musicali. Interrotta a causa della guerra, la manifestazione, rinata con il nome di Festa dei Fiori, raggiunse negli anni ’60 un notevole successo internazionale.

    La manifestazione si avvale oggi della collaborazione di vivaisti, giardinieri e fioristi locarnesi e può contare sul sostegno del Servizio Parchi e Giardini della Città di Locarno.

    LA STORIA DELLA CAMELIA

    CamelieDi ogni pianta è molto importante conoscere, oltre alla morfologia e alla descrizione botanica, la zona d’origine e l’areale di diffusione primario.

    La camelia, originaria del Sud-est asiatico, ha compiuto da ormai quasi tre secoli i suoi primi viaggi verso i paesi occidentali, dove fu introdotta essenzialmente come specie ornamentale e divenne, in Europa, una delle piante più apprezzate da vivaisti ed ibridatori. La storia dei primi esperimenti di acclimatazione e della creazione di nuove cultivar è costellata di curiosi aneddoti e di storie di pura passione.

    Il Lago Maggiore e i suoi giardini sono la testimonianza di questa storia ricca di tradizioni. In ogni giardino storico, nel tipico stile romantico dell’800, è possibile ritrovare antichi esemplari di camelie, per lo più appartenenti alla specie Camellia japonica, riconducibili a famose cultivar dell’epoca, dai nomi altisonanti, che ricordano illustri personaggi della nobiltà di quel tempo. Una camelia all’occhiello e come decolté era simbolo di lustro e raffinatezza per le famiglie patrizie dell’epoca. In breve tempo sorse una sorta di cameliomania e numerose furono le piante coltivate in vaso e messe a dimora nei giardini dei laghi insubrici.

    APPUNTAMENTI COLLATERALI – PROGRAMMA

  • 29.3.2006

    17.30 Inaugurazione ufficiale della manifestazione nel Cortile del Palazzo della Società Elettrica Sopracenerina.

    15.00 animazione Clownesca (Giorgio Valli e Claudia Klinzing)

  • Giovedì 30.3.06

    20.00 Concerto del Coro Calicantus, in occasione del Festival internazionale di voci bianche.

  • Venerdì 31.3.06

    17.00 Concerto della Scuola Popolare di Musica – Konzert der “Scuola Popolare di Musica” –

  • Sabato 1.4.06

    17.00 00 Concerto dell’ Accademia Vivaldi – Konzert der “Accademia Vivaldi” –

  • domenica 2.4.06

    17.00 Concerto della Vos da Locarno – Konzert mit dem Chor “La Vos da Locarno – Concert du choeur “La Vos da Locarno”

    Esposizione di camelie con parte scientifica e didattica

    Mercoledì 29: dalle 11.00 alle 19.00

    Giovedì 30.3: dalle 10.00 alle 21.00

    Venerdì 31.3: dalle 10.00 alle 19.00

    Sabato 1 aprile: dalle 10.00 alle 19.00

    Domenica 2 aprile: dalle 10.00 alle 19.00

    Cerimonia di Ikebana

    Giovedì 30.3: 11.00 /
    15.00

    Venerdì 31.3: 11.00 / 15.00

    Sabato 1 aprile: 11.00 / 15.00

    Domenica 2 aprile: 11.00 / 15.00

    Cerimonia del Tè

    Giovedì 30.3: 11.30 / 15.30

    Venerdì 31.3: 11.30 / 15.30

    Sabato 1 aprile: 11.30 / 15.30

    Domenica 2 aprile: 11.30 / 15.30

    Fioriture musicali

    Concerteranno strumenti quali il clavicembalo, il violino, il flauto, il cornetto, la viola da gamba e la voce umana.

    Gli artisti si incontreranno nel giardino barocco per scambiarsi ornamenti, diminuzioni e fioriture, seguendo il filo-armonico che lega natura e musica.

    Informazioni

    La mostra rimarrà aperta nei seguenti orari:

    mercoledì 10-21; giovedì 10-19; venerdì 10-19; sabato 10-19, domenica 10-19.

    Costo del biglietto: adulti Fr. 8.-, giornaliera Fr. 10.- pensionati Fr. 6.-, gruppi sconto del 20% (numero minimo 10 persone).

    Previste anche alcune offerte speciali:

  • entrata alla rassegna a Locarno, trasferta con un battello della Navigazione del Lago Maggiore e visita alle Isole di Brissago ad un costo di Fr. 21.

  • 50 % di riduzione sul prezzo del biglietto della funicolare Locarno – Madonna del Sasso – Orselina, e ritorno. Si possono ammirare molte piante in fiore.

  • 25.% di riduzione sul biglietto della funivia Orselina – Cardada. Cardada / Cimetta, la splendida montagna locarnese, offre una vista a 360° sul Lago Maggiore e le Valli circostanti, oltre alla passerella, il percorso ludico e l’osservatorio geologico.

    Ente Turistico Lago Maggiore

    0041/91 791 00 91

    www.camellia.ch

    www.maggiore.ch/manifestazioni

    Società Svizzera della Camelia

    Schweizerische Kameliengesellschaft

    Société Suisse du Camélia

    via B. Luini 3 – CH-6601 Locarno

    Tel. +41 (0) 91 756 61 38 – Fax +41 (0) 91 751 90 70

    CCP 65-776481-2

    E-mail: [email protected]

    Lago Maggiore Turismo

    Via B. Luini 3, CH 6600 Locarno

    Tel. + 41(0) 91 791 00 91

    Fax +41 (0) 91 785 19 41

    di Cinzia Modena