Juve-Bologna 1-1 : Vucinic dà Vucinic toglie

settembre 22, 2011 in Sport da Tomas

pagelle

Nedved ritorna a farsi vedere, andando per la prima volta in tribuna nel nuovo stadio, ma deve purtroppo sopportare il primo stop della Vecchia Signora. Dopo l’ anticipo di Novara, dove i padroni di casa salutano il proprio pubblico con una grande vittoria contro l’ Inter, esonerando in pratica Gasperini, sostituito da Ranieri, la serie A gioca la 4a giornata, 3 gara ufficiale di questa stagione, in un turno infrasettimanale che vede lo stop del Napoli a Verona, scaligeri vincenti con Moscardelli sugli azzurri che provano il turnover senza buon esito. Il Milan trova invece il pareggio a S. Siro contro l’ Udinese, smuovendo almeno la classifica ma restando pur sempre a soli 2 punti, lasciando così in testa al campionato, oltre alle 2 formazioni bianconere di Udine e Torino, il Genoa di Malesani che a Marassi batte il Catania grazie ad una ottima prestazione corale ed all’ opportunismo di Palacio. Nel caos si riprendono con 2 vittorie Fiorentina e Lazio, l’ Atalanta recupera tutta la penalizzazione vincendo a Lecce ed il Palermo ferma la capolista Cagliari al Barbera. Gli uomini di Conte perdono così l’ occasione per volare soli in testa alla classifica pareggiando in casa, nonostante meritassero di vincere per la voglia, lo spirito, la grinta ed il gioco messo in campo sospinti da un grande pubblico che sta veramente diventando il 12° uomo. La pazzia di Vucinic, ammonito una prima volta per proteste e nel finale del primo tempo per un fallo da dietro in scivolata ha condizionato la prova nella ripresa dei bianconeri, ma quel che più preoccupa sono le solite amnesie di De Ceglie, autore di una discreta prova se non fosse per quel cortocircuito in mezzo all’ area che ha concesso il corner del pareggio, e quelle di Chiellini sui calci piazzati. Un marcatore come lui, forte sui colpi di testa, non si capisce come possa mancare sempre gli interventi difensivi su calcio da fermo. Se Conte riuscirà a cancellare questi problemi, dopo aver dato un gioco ed un’ anima a questa squadra, si potrà veramente dire che la Juventus è tornata a poter lottare per le posizioni che contano in questo campionato.

  • Queste le squadre che son scese in campo:

    JUVENTUS (4-2-4): Buffon 6.5; Lichtsteiner 7.5, Barzagli 7, Chiellini 5.5, De Ceglie 5 (28’ st Vidal 6); Pirlo 7.5, Marchisio 6.5; Krasic 5 (15’ st Giacchierini 7), Vucinic 6, Del Piero 5.5 (1’ st Matri 6), Pepe 7.

    A disposizione: Storari, Bonucci, Elia, Quagliarella.

    Allenatore: Conte 7

    BOLOGNA (4-3-2-1): Gillet; Casarini, Portanova, Antonsson, Morleo; Perez (1’ st Khrin), Mudingayi, Konè; Ramirez, Diamanti (1’ st Pulzetti); Acquafresca (21’ st Di Vaio).

    A disposizione: Agliardi, Crespo, Rickler, Paponi.

    Allenatore: Bisoli

    RETI: Vucinic 29’ pt, Portanova 7’ st

  • La partita

    La Juve parte forte con scambi veloci e stretti tra Vucinic e Del Piero ed al 1° il capitano prova il tiro che va fuori. Al 7° ci prova Vucinic ma il tiro viene deviato ed è facile per Gillet bloccare sul tiro centrale. Al 10° il Bologna ci prova da sinistra, su una palla respinta Konè tira al volo che finisce in angolo. Al 14° Ramirez tenta l’ affondo centralmente ma tira fuori. La Juve tiene palla mentre il Bologna tenta il contropiede ed al 22 è di nuovo Konè da sinistra a tentare il tiro e trovare l’ angolo. Pirlo perde palla al 28° su Mudingayi che avanza e tira trovando ancora un angolo. I bianconeri conquistano punizione sulla destra al 29° Pirlo batte velocemente trovando solo in area Vucinic a destra tiro sul secondo palo e vantaggio bianconero. È ora più facile per la Juventus trovare gli spazi necessari ed al 34° Krasic avanza centralmente serve Del Piero a sinistra che prova il tiro a giro ma finisce di poco fuori. Al 36° da sinistra Vucinic per Pepe che crossa deviazione Krasic ci prova di sinistra ma Gillet fa il miracolo. Il Bologna ci prova al 42° su punizione da sinistra Ramirez di testa alto. Mudingayi, migliore dei suoi, tenta il tiro al 45° ma la deviazione facilita Buffon. Nel finale seconda ammonizione ed espulsione per Vucinic che calcia da dietro a centrocampo un avversario. Poteva pensarci due volte. Ripresa da battaglia per i bianconeri, che non deludono le attese ma partono male. Dopo il goal mancato da Krasic al 5° su assist di Pirlo, trovando l’ esterno del palo lontano da posizione defilata a destra, il Bologna pareggia su calcio d’ angolo. De Ceglie si addormenta e lascia passare un avversario in area che tira ma Buffon manda in tuffo in angolo. Sul corner al 7° Portanova svetta e batte prima Chiellini e poi Buffon schiacciando il pallone in rete. Dopo un’ altra occasione per il Bologna bloccata da Buffon al 16° i bianconeri prendono in mano la gara, nonostante l’ inferiorità numerica e creano occasioni su occasioni. Strepitosa prestazione di Pirlo, Lichtsteiner, Pepe e del neo entrato Giaccherini con Barzagli che domina la difesa, ma il Bologna non capitola a causa delle ridotte occasioni da rete occorse a Matri, sostituto nella ripresa di Del Piero. Se non ci pensa Gillet ci pensano gli stessi bianconeri a sbagliare le occasioni o trovare qualche avversario che manda in angolo. Nel finale l’ unica occasione per Matri, finisce alta, mentre la carica agonistica fa terminare la gara con un accenno di rissa dopo che i bianconeri non avevano buttato la palla fuori su Ramirez a terra. Lo spirito ed il gioco espresso da questa Juve sono la parte della medaglia migliore mentre resta il rovescio oscuro che vede in Vucinic la croce e delizia da regolare, nelle dormite di De Ceglie e nella disattenzione sui calci piazzati di Chiellini i punti deboli che si trascinano purtroppo dall’ anno scorso.

    Da segnalare il ritorno al goal, dopo lungo infortunio, di Jovetic nella vittoria della Fiorentina, la prima rete in serie A del piccolo faraone El Shaarawi che permette al Milan di pareggiare e quella dell’ israeliano del Palermo Zahavi. Bianconeri a Catania per difendere il primo posto e poi il big match contro il Milan agli inizi di ottobre. Un piccolo pezzo di scudetto, anche se è ancora troppo presto, si giocherà in queste 2 strane gare con in mezzo la Champions League.

    Per commenti, consigli, opinioni scrivi a : Tomas .

    di Tomas