Impresa Samp, la Juve perde l’imbattibilità al Delle Alpi

febbraio 3, 2005 in Sport da Giovanni Rolle

La Juve perde l’imbattibilità casalinghe. Nel turno infrasettimanale di campionato, la Sampdoria vince a sorpresa, facendo perdere agli uomini di Capello l’imbattibilità fra le mura amiche.

Per la sfida con i blucerchiati Capello rispolvera Del Piero titolare, lasciando inizialmente in panchina Ibrahimovic. E’ la Juve a partire in attacco; Camoranesi serve Trezeguet il quale innesca a sua volta Kapo, che mette a dura prova i riflessi del portiere blucerchiato Antonioli, bravissimo ad opporsi alla conclusione ravvicinata dal centrocampista bianconero. Al 20’ l’autore del tiro lascerà il campo per un problema muscolare: al suo posto Blasi. Dopo un buon inizio la pressione juventina si spegne progressivamente, grazie anche alla buona disposizione tattica dei blucerchiati, che chiudono bene gli spazi agli uomini di Capello; anzi, con il passare dei minuti, sono proprio i liguri a salire di tono. E al 34’ la Samp mette a segno la zampata vincente: cross da destra di Zenoni, stacco perentorio a centro area di Castellini, la cui incornata si stampa contro la traversa, ed è Diana ad insaccare in spaccata il pallone dello 0-1.

La Juventus prova a replicare allo svantaggio, ma la reazione dei bianconeri è poco convincente, il che induce Fabio Capello a provare la carta del tridente nella ripresa, con Ibrahimovic al posto di Tacchinardi. La Juve si porta vicina al pareggio con un colpo di testa di Trezeguet, con ottima risposta di Antonioli, che riesce a deviare in angolo. Sugli sviluppi del corner successivo è Ibrahimovic ad incornare, ma la palla finisce fuor dallo specchio della porta. All’11’ è invece Blasi a scagliare un bellissimo tiro da una ventina di metri all’indirizzo della porta di Antonioli, con palla che sfiora di poco il secondo palo. La pressione dei bianconeri si fa insistente e Antonioli è chiamato a compiere un paio di interventi difficili, prima su un’insidiosa conclusione dal limite dell’area da parte di Del Piero e, sul corner successivo, sulla girata da distanza ravvicinata di Ibrahimovic.

E’ tutta un’altra Juve rispetto a quella del primo tempo e l’area sampdoriana è cinta d’assedio dagli uomini di Capello, all’assalto del pareggio. La Sampdoria riesce a spezzare l’assedio soltanto al 20’, con una conclusione di Rossini rimpallata sul fondo dalla difesa bianconera e da un colpo di testa di Tonetto sugli sviluppi dell’angolo successivo, con palla fuori di poco. Un doppio pericolo per i bianconeri che al 26’ riprendono la loro trama offensiva, con una pericolosissima incursione di Ibrahimovic, bravo a girarsi spalle alla porta e a tirare, ma l’attaccante svedese trova ancora una volta a sbarrargli la strada un grande Antonioli, che gli nega il gol con uno strepitoso intervento. Ibrahimovic svolge anche il ruolo di prezioso assist-man, quando, un paio di minuti dopo, pennella un perfetto cross per la testa di Trezeguet, la cui incornata esce di pochissimo.

Alla mezz’ora Capello effettua anche il terzo cambio: al posto di Birindelli entra Montero. L’uruguaiano si posiziona al centro della difesa al fianco di Cannavaro, mentre Thuram viene spostato sulla destra. Il tecnico bianconero spera di sfruttare la spinta offensiva del giocatore francese per il serrata dell’ultimo quarto d’ora, ma al 40’ Trezeguet spreca un’occasione favorevole per pareggiare: la posizione favorevole ma il tiro del bomber transalpino è troppo debole. Ci prova anche Camoranesi di testa, ma la palla è ancora una volta preda di Antonioli.

Sono appena due i minuti di recupero concessi dall’arbitro Messina ed anche l’ultima offensiva di Ibrahimovic si spegne fra le mani di Antonioli, il qiale merita la palma di migliore in campo per una partita che la Samp riesce a concludere senza subire reti, regalandosi una vittoria che infrange l’imbattibilità interna stagionale dei bianconeri e rilancia le quotazioni del Milan nella volata scudetto, con il distacco dei rossoneri, vittoriosi sul campo del Messina per 3-1, che scende nuovamente a meno cinque.

Juventus-Sampdoria 0-1

  • Reti: 33’pt Diana.

  • Juventus (4-4-2): Buffon, Birindelli (30’st Montero), Thuram, Cannavaro, Zambrotta; Camoranesi, Emerson, Tacchinardi (1’st Ibrahimovic), Kapo (20’pt Blasi); Del Piero, Trezeguet. All.: Capello. In panchina: Chimenti, Ferrara, Appiah, Zalayeta.

  • Sampdoria (4-4-2): Antonioli; Zenoni, Castellini, Falcone, Pisano; Diana (39’st Edusei), Volpi, Palombo, Tonetto; Flachi, Rossini (43’st Kutuzov). All.: Novellino. In panchina: Padelli, Carrozzieri, Edusei, Kutuzov, Pavan, Gasbarroni, Roselli.

  • Arbitro: Messina di Cava de Tirreni.

  • Ammoniti: Birindelli, Blasi; Rossini.

  • Spettatori: 20.016

    di Giovanni Rolle