Grand Prix Terre dei Savoia

giugno 10, 2010 in Sport da Redazione

Gara storicaIl 3 a 4 luglio si terrà la quarta edizione del Grand Prix Terre dei Savoia, gara di regolarità per autostoriche e da collezione che avrà per fulcro Savigliano e la Langa. Sono già aperte le iscrizioni.

Come già accaduto per la scorsa edizione, quando si festeggiarono i cento anni dalla visita dello Zar Nicola II al Castello di Racconigi, anche l’edizione 2010 si rifà ad un evento storico, ovvero la scomparsa, esattamente il 4 luglio del 2010,del astronomo saviglianese Giovanni Virginio Schiaparelli. Proprio per questo motivo l’edizione 2010 avrà come titolo sulla scia della cometa.

PROGRAMMA

Il percorso prevede partenza ed arrivo a Savigliano sabato 3 e domenica 4 luglio. La gara prenderà il via alle ore 9.00 di domenica 3 luglio e punterà subito verso Marene, quindi Cervere (capitale del porro) Fossano (che osserverà il passaggio dei partecipanti dall’alto delle torri del Castello degli Acaja), Bene Vagienna (con il suo centro storico che rende omaggio al filosofo Botero), Piozzo eccezione della Langa vignaiola in quanto cittadina produttrice di birra e Carrù, patria del Bue grasso. Dopo la

sosta pranzo si passa il Tanaro per entrare nel cuore della Langa vera e propria, alternando coltivazioni di noccioleti a colline ricoperte di vigne che producono uve per vini divenuti famosi in tutto il mondo. Ma il vino non basta, ed ecco allora un passaggio nel centro storico di Murazzano, che porta il sapore della prelibata toma, Bossolasco, anche lei severo giudice della manifestazione dai contrafforti del

Castello dei Carretto. Da qui si imbocca la Valle Belbo, scalando colline che sembrano dipinte su una tela di un raffinato paesaggista, per arrivare a Diano d’Alba, dove il vino si chiama dolcetto, e fare una tappa pomeridiana a Gallo, dove fra moderno hi-tech e tradizione antica producono un torrone che non ha eguali nel mondo.

Siamo a due terzi del percorso, e bisogna affrontare le colline dei grandi vini: da Serralunga a Novello, per giungere a Barolo, rimanere in costa fino a La Morra, poi tuffarsi nella Valle Tanaro a Cherasco e risalire nel centro cittadino che conserva la bellezza rinascimentale, tanto apprezzata dai Savoia e da Napoleone che scelsero Cherasco per firmare due storici trattati. L’arrivo è vicino, pochi chilometri per risalire la pianura di Marene e Savigliano, per accogliere in Piazza del Popolo i partecipanti alla gara, e festeggiarli tutti insieme nell’ala polifunzionale con le premiazioni.

Il programma della manifestazione, prevede che i regolaristi giungano a Savigliano fra le ore 10 e le ore 14 di sabato 3 luglio per effettuare le tradizionali operazioni di punzonatura. Appena terminata questa fase burocratica del controllo documenti, mentre le auto faranno bella mostra di sé in Piazza del Popolo a Savigliano i partecipanti alla manifestazione potranno visitare il “Museo Ferroviario Piemontese” che nella sua sede di Savigliano accoglie locomotive e carrozze (perfettamente restaurate e in gran parte funzionanti) a partire dai primi del ‘900. Terminata la visita si svolgerà, in un ristorante

all’interno di un parco appena fuori Savigliano, la cena commemorativa di Schiaparelli, oltre ad una breve Carrellata storica sull’industria automobilistica saviglianese.

Domenica mattina, 4 luglio, alle ore 8.30 incolonnamento delle vetture che prenderanno il via alle 9.01 per la gara che si svolgerà su un percorso di circa 250 km con una

quarantina di prove di precisione.

In parallelo alla gara si svolgerà un raduno di autostoriche e da collezione realizzato in collaborazione con il club Ruote d’Epoca Cherasco, aperto però alla partecipazione di altri club e semplici appassionati, che avrà un programma parallelo alla gara. Infatti i

partecipanti al raduno arriveranno a Savigliano nel primo pomeriggio di Sabato 3 luglio, e si uniranno ai regolaristi per la visita al “Museo Ferroviario Piemontese” ed alla

cena commemorativa.

Domenica 4 luglio, anche i radunisti si daranno appuntamento in Piazza del Popolo a Savigliano per prendere la partenza della manifestazione che li condurrà a Barolo per visitare la locale enoteca e il “Museo del Cavatappi” (una vera rarità a livello mondiale che poteva sorgere solo in queste colline coperte da vigneti), con un assaggio di Barolo stappato con un cavatappi d’epoca. Dopo questo aperitivo i partecipanti al raduno si dirigeranno a Carrù per pranzare insieme agli equipaggi della regolarità per poi tornare a Savigliano ed assistere all’arrivo della gara e partecipare al buffet di premiazione finale.

Si ricorda che la manifestazione si svilupperà come prova di regolarità per autostoriche e da collezione in cui tutti i partecipanti sono soggetti sempre e comunque al vigente Codice della Strada.

La manifestazione è stata collocata nella data del 3-4 luglio proprio per ricordare i cento anni della scomparsa di Giovanni Virginio Schiaparelli, saviglianese illustre.

Sono ammesse le tutte le vetture omologate Asi, e, con classifica separata, le auto di interesse storico e collezionistico su valutazione insindacabile Dell’organizzazione.

MAGGIORI INFORMAZIONI e ISCRIZIONI

Grand Prix Terre dei Savoia

www.gpterredeisavoia.com

Tel. 348 41.21.454

fax 011 07.05.107

[email protected]

di Redazione sportiva