Flamenco ai Giardini Reali di Torino

luglio 2, 2007 in Spettacoli da Marcella Trapani

terry evans

  • Inizia il 6 luglio la rassegna di musica e danza Flamenca organizzata dal Centro Cultura Popolare – Folkclub e dedicata al popolare genere di musica e danza gitana. Si tratta del primo festival interamente dedicato al flamenco che si svolge a Torino, e uno dei primi in Italia. Il festival è inserito nell’ambito del programma di Torino Puntiverdi, iniziativa realizzata dall’Assessorato alle Risorse e allo Sviluppo della Cultura della Città di Torino. Diamo notizia degli spettacoli che si svolgeranno ai Giardini Reali.
  • Lo spettacolo del 6 luglio è intitolato A fuego lento con la Compañia Pilar Ogalla e Andrès Peňa. Considerata tra le migliori compagnie del panorama flamenco di Siviglia, è composta dai ballerini Maria del Pilar Ogalla e Andrés Peña Moron, due chitarre (F. Javier Patino e L. Ricardo Rivera), due cantaores (L. Moneo e M. Angel Rodendo), una cantaora (I. Rivero) e un tecnico luci (L. Ignacio Sanchez).

    Invitato a presentare per la prima volta la sua Compagnia durante la Biennale di Siviglia, Andrés Peña ha ottenuto anche l’onore di esibirsi con il suo ultimo lavoro, appunto quello che vedremo ai Giardini Reali, al Festival di Jerez nel 2007. A Fuego Lento inizia, come suggerisce il titolo, con una fiamma sottile e culmina infiammando tutto il palcoscenico. Andrés e Pilar rendono omaggio alla tradizione del duetto maschile e femminile, dando vita a una performance che raggiunge l’apice in un crescendo tipico dello stile di Jerez.

  • Mercoledì 11 luglio si esibirà la Compañia Antonio El Pipa nello spettacolo De Tablao. E’ considerata la migliore compagnia di Jerez de la Frontiera ed è composta dai ballerini Antonio El Pipa e Maria Josefa Franco, dai cantaores Juan e José Santiago, J. Fernandez e da altri, tra cui G. Campos a las palmas e J. Pascual e J. Antonio Gomez alle chitarre.

    La Compagnia è nata su iniziativa di A. El Pipa, invitato dal Teatro Lope de Vega di Siviglia, nel febbraio 1997, per il ciclo Noches de Flamenco. Riunisce sia artisti giovani della regione di Jerez che artisti affermati in questo campo. Antonio El Pipa è nato a Jerez da una famiglia gitana del quartiere Santiago, erede della più pura tradizione flamenca. Nipote della Tía Juana la del Pipa e di Antonio El Pipa, ha mantenuto alto la fama artistica dei suoi nonni. La tradizione gitana di cui è portatore è quella del flamenco più autentico, privo di fioriture e di artifici superflui, ma rispettoso delle ultime tendenze del ballo flamenco.

    Bailaora (“ballerina”) da quando era giovanissima, Maria José Franco è nata a La Tacita de Plata, Cadice, ed ha studiato con artisti come A. Gomez e M. Marìn. E’ entrata a far parte della compagnia di M. Maya e con questa si è esibita durante l’Expo di Siviglia del ’91. Ha continuato la sua carriera da solista ed attualmente è ballerina invitata nella Compañia Antonio El Pipa. Ha partecipato già a tre degli spettacoli di El Pipa: Vivencias (“Esperienze”), De la Tierra (“Dalla Terra”) e De Cai, el Baile.

  • La Compaňia de Baile Flamenco de Mercedes Ruiz sarà la protagonista della serata di domenica 15 luglio con la performance Junca, premio della critica come miglior spettacolo al Festival di Jerez 2007. Si tratta di una prima per l’Italia, uno spettacolo che vuole essere un ritorno all’essenzialità, ai pilastri e alle fondamenta dell’arte flamenca. Mercedes Ruiz, considerata da pubblico e critica una realtà fondamentale del flamenco odierno, ha inteso in questo spettacolo assimilare e interpretare ciò che la sua terra natale e i suoi predecessori le hanno trasmesso. La bailaora è nata a Jerez nel 1980, dove ha iniziato a danzare molto giovane. A sette anni già faceva parte dello spettacolo di M. Morao Esa forma de vivir (“Questa forma di vivere”), presentato alla Biennale di Siviglia e in seguito a Broadway. Ha ottenuto il premio Antonio Gades al concorso internazionale di Cordoba 2000 e due anni dopo ha vinto il concorso della Biennale di Siviglia.

    La sicurezza dimostrata da questa ballerina fa sì che reinterpreti in modo personale il flamenco, basandosi sui canti e sulle danze tradizionali della sua città natale, danze come la seguiriya, la soleá ou la bulería, che senza dubbio intrattengono un legame stretto con Jerez e che rappresentano un motivo di estremo interesse per questo nuovo spettacolo.

  • Il programma completo della rassegna è sul sito della Città di Torino: www.torinocultura.it : e su quello del Teatro Regio: www.teatroregio.torino.it/giardinireali .

    V. anche i siti:

    www.folkclub.it

    www.antonioelpipa.com

    www.mercedesruiz.com

    : Giardini Reali – ingresso viale I° maggio.

    Orario: ore 21.30.

    Costi: posto unico numerato 12 euro; ridotto 10 euro (in caso di esaurimento dei posti a sedere verranno messi in vendita 200 posti in piedi a scarsa visibilità a 5 euro).

    Biglietteria: Via San Francesco da Paola 6 – tel. 011-422 4777

    di Marcella Trapani