Fine anno in Germania o in Belgio?

novembre 7, 2017 in Attualità, Medley, Net Journal, Viaggi e Turismo da Simona Margarino

L´anno sta per finire e come sempre ci si chiede dove andare, cosa fare, quali paesaggi vedere, quando tornare. E le scelte non mancano mai. Basta fare le valigie e partire, in treno auto o aereo, le alternative son sempre infinite per chi ha scarpe abbastanza solide per non fermarsi, mente abbastanza aperta per voler scoprire altro ed entusiasmo a sufficienza per partire, anche quando I soldi son pochi ma la creatività nel cercare soluzioni economiche non manca.

Per chi ama i mercatini di Natale ed ha già assaporato le bellezze nostrane di Bolzano, Merano, Trento, Vipiteno etc., il Nord Europa rappresenta senz´altro la destinazione più ovvia: Vienna, Budapest, Praga, Rovaniemi

In Germania, forse il mercatino tradizionale meglio conosciuto si trova a Monaco di Baviera, che pare abbia radici nel XIV secolo. In tempi moderni viene allestito nella piazza del municipio neogotico di Marienplatz. Pare che nel 1757, per la prima volta a Monaco si sia tenuto un mercato di asilo nido indipendente. Ancora oggi tutto tra presepi, alllegri canti, cassette di legno e bancarelle con prodotti dell´artigianato e della gastronomia, gli spettacoli si susseguono, quest´anno dal 27 novembre al 24 dicembre 2017 (da lunedì al sabato: dalle 10.00 alle 21.00; domenica: dalle 10.00 alle 20.00; il 24 dicembre: dalle 10.00 alle 14.00). Per chi poi ama I mercatini Tedeschi, altre mete sono Colonia, Berlino, Stoccarda, Dresda.  

Che dire poi della stupenda Bruges? Dall´albero di ghiaccio alle cioccolaterie, dai waffle alle birre ad alta gradazione (almeno 7%…), dal Villaggio natalizio nella magnifica piazza centrale (Markt) alle “frites”, dal “glühwein“ alle mille decorazioni, l´atmosfera magica della città vecchia è unica. Tra i canali della Venezia del Nord, i riflessi delle luci sull´acqua, la neve (se si è fortunati), i palazzi medievali, tutto concorre a rendere il posto assolutamente speciale. E poco lontano da lì, Bruxelles, Gent, Ostende meritano una visita.  

Quandi preparate le borse (semi-vuote ma pronte a riempirsi) e buon viaggio!