Roberto Vecchioni “Il Cantastorie”

dicembre 2, 2005 in Spettacoli da Redazione

Lunedì 5 dicembre al teatro Colosseo, Torino, Vecchioni in tournée con “Luci a San Siro….di questa sera”. Da poco è uscito il suo nuovo album: Il Contastorie

roberto vecchioniUn viaggio da “Contastorie” di città in città. Roberto Vecchioni si ripresenta in una lunga tournèe che durerà fino al 13 febbraio 2006, toccando 24 località italiane. “Luci a Torino……” si svolgerà al Teatro Colosseo, lunedì 5 dicembre alle ore 21 (concerto organizzato da Metropolis). Versione inedita live del cantautore milanese, che si presenterà davanti al suo pubblico (Vecchioni ama da sempre i torinesi per la sensibilità musicale che hanno) in trio. Infatti, insieme a Roberto, sul palco ci saranno due grandi musicisti del rock jazz italiano, Patrizio Fariselli al pianoforte e Paolino Dalla Porta al contrabasso. Un modo per ascoltare dal vivo quello che è anche il suo ultimo album “Il Contastorie” (UNIVERSAL MUSIC). Una prova discografica dove Vecchioni ricanta le sue canzoni rivisitandone le sonorità, le arie con tanta sofisticatezza ed eleganza. Intendiamoci l’album è molto interessante non solo per la chiave jazz cui i brani sono sottoposti ma anche perché si tratta di canzoni che nel repertorio del cantautore sono state un ‘pochino’ trascurate da un po’ di anni. Ecco quindi scorrere pezzi del 1975 come “Parabola” e “ Alighieri”. Le Liriche poetiche di canzoni come “La bellezza”, “la Stagione di Zima” e “Viola d’Inverno” vengono valorizzate ancor più nella nuova veste confezionata da Vecchioni. Il “Contastorie” è un evoluzione musicale di un grande poeta musicale qual è Vecchioni.

E’ lo stesso cantautore a spiegare il perché di queste nuove versioni delle sue canzoni:

“Non ne potevo più di cantare musica leggera sempre allo stesso modo, di stare alle regole dei bei suoni, degli effetti, delle chitarre elettriche, degli assoli di batteria, dei violini in ‘ adat ‘, di continuare ad aprire al pubblico scatole certamente piene d’amore, ma quasi sempre preconfezionate. Tutto mi è sembrato “troppo”, e cosi ho eliminato piano piano dalla mia mente un suono dopo l’altro, fino ad arrivare al silenzio. E dal silenzio sono ripartito, mischiando la mia voce alle uniche due vibrazioni essenziali naturali: l’accompagnamento e la variazione, il piano e il contrabbasso.”

Roberto non poteva dimenticare uno dei suoi amori musicali ovvero Jacques Brel riprendendo un brano del cantautore belga “Le Moribond” trasformando la tristezza e lo sconforto della canzone in aria di vita intitolandola “Stagioni nel sole”. L’album uscito alcuni giorni fa contiene anche un libretto di favole, riscritte e reinterpretate da Roberto Vecchioni. Fiabe che vengono raccontate durante i concerti diventando prezioso corollario della letteratura musicale del cantautore. La tournèe si chiama “Luci a San Siro…..di questa sera” ma quando sbarcherà nella capitale subalpina diventerà “Luci a Torino……”.

L’Album, uscito l’11 novembre è disponibile in una edizione particolarmente elegante arricchita da un piccolo libro di fiabe classiche, riscritte e reinterpretate dallo stesso Vecchioni.

Queste favole sono presenti anche nei concerti della nuova tournée. In forma di citazioni brevi fungono infatti da cornice e completamento alle canzoni e, nella loro essenzialità letteraria, ben si accoppiano alla voluta povertà dell’impianto e degli arrangiamenti musicali.

di Gino Steiner Strippoli Cinzia Modena