Juve, vittoria con sofferenza

gennaio 17, 2007 in Sport da Giovanni Rolle

TORINO – Operazione aggancio raggiunta. Gli uomini di Deschamp rimediano alla sconfitta di sabato scorso sul campo del Mantova, ritrovando il successo. La Juventus vince, pur con qualche patema, la gara di recupero contro il Cesena, rinviata per la drammatica scomparsa dei due ragazzi della Berretti Alessio Ferramosca e Riccardo Neri, ed affianca il Napoli in vetta.

Juve con Mirante tra i pali al posto dell’indisponibile Buffon, il quale assiste, insieme a Legrottaglie, alla partita con i romagnoli in mezzo agli della curva Sud, dai quali viene coinvolto negli immancabili cori di rito, che comprendono anche i soliti slogan contro Milan e Inter, due delle possibili destinazioni del portiere della Juventus, la quale è impegnata, com’è noto, a difendere il proprio fuoriclasse dalle sirene di numerosi grandi club non solo italiani ma anche stranieri. Al centro dell’attacco bianconero c’è invece Trezeguet, che al 7’ si rende protagonista delle prima azione di marca juventina con una girata che finisce abbondantemente sopra la traversa, dopo che l’attaccante francese aveva comunque commesso fallo sull’ex granata Doudou. All’11’ Camoranesi ci prova con un tiro dalla distanza, con la palla che sorvola questa volta non di molto il montante della porta di Turci.

La formazione allenata dal vulcanico Castori non rimane comunque ad osservare le azioni degli juventini, rendendosi a sua volta pericolosa in un paio di occasioni, prima con una buona apertura di Salvetti all’indirizzo di Papa Waigo, il quale spreca l’interessante suggerimento da parte del compagno con una conclusione troppo precipitosa che non produce pericolo per Mirante, quindi con un tentativo personale del capitano, con palla che termina di poco a lato.

Un improvvisa accelerata da parte dei padroni di casa porta al vantaggio dei torinesi quando è da poco passato il quarto d’ora. L’azione del gol nasce da uno spunto di Palladino, la cui conclusione trova la respinta di Turci, il quale non può però fare nulla sulla successiva ribattuta di Del Piero.

Il Cesena prova a replicare con un pericoloso tiro dal limite dell’area di De Feudis sul quale Mirante si oppone con una bella parata in tuffo, con Balzaretti costretto a rifugiarsi in calcio d’angolo. La Juve però ha in canna il colpo del raddoppio, che giunge puntualmente al 25’ ed è confezionato dalla coppia Balzaretti-Trezeguet, con traversone dalla fascia sinistra del biondo laterale e puntuale deviazione vincente del centravanti francese.

Con due reti di vantaggio, i bianconeri possono giocare in scioltezza. Una veloce combinazione fra le due fasce, orchestrata da Balzaretti e Del Piero, porta Del Piero vicino al terzo gol prima della fine del primo tempo.

La ripresa si apre con un insidiosissima conclusione dalla lunga distanza di Marchisio, che impegna duramente Turci, il quale riesce a deviare in angolo. A circa mezz’ora dalla fine dell’incontro il Cesena riesce a riaprire la partita: su un lancio lungo da centrocampo Papa Waigo, stretto nella morsa – per la verità non troppo stretta – fra Birindelli e Kovac, riesce ad anticipare tutti di testa e a scavalcare Mirante, dimezzando il vantaggio dei padroni di casa. La gara si rianima ulteriormente al 21’, quando l’arbitro, su segnalazione del quarto uomo, estrae il cartellino rosso all’indirizzo di Zebina per un gesto di reazione nei confronti di Mezavila, con la Juve costretta a giocare in dieci l’ultima mezz’ora.

Finale in sofferenza per gli uomini di Deschamps. Nel recupero viene annullato un gol al Cesena. Era stato Pellè ad insaccare dopo che Mirante, secondo il direttore di gara caricato dagli avversari, aveva perso palla. Poco dopo il triplice fischio dell’arbitro Banti sanciva il successo per 2-1 degli uomini di Deschamps.

JUVENTUS-CESENA 2-1

RETI: 18’pt Del Piero (J), 25’pt Trezeguet (J), 17’s Papa Waigo (C).

JUVENTUS: Mirante; Birindelli, Kovac (26’st De Ceglie), Zebina, Balzaretti; Camoranesi (22’st Piccolo), Paro, Marchisio, Palladino; Del Piero, Trezeguet.

All. Deschamps.

In panchina: Belardi, Venitucci, Guzman, Bojinov, Zalayeta.

CESENA: Turci; Biserni, Zaninelli, Doudou, Lauro; Anastasi (18’st Mezavilla), De Feudis (34’st Virdis), Salvetti (31’pt Lazzari); Papa Waigo, Pellè, Del Core.

All. Castori.

In panchina: Sarti, Sabato, Ola, Bracaletti.

ARBITRO: Banti di Livorno.

ESPULSI: 21’ st Zebina (J).

AMMONITI: Del Piero, Marchisio (J); Anastasi, Lazzari, Mezavilla (C).

di Giovanni Rolle