Juve: il big match si avvicina

maggio 5, 2005 in Sport da Roberto Grossi

La Juve continua imperterrita il silenzio-stampa ma Capello pare avere le idee sempre più chiare sulla squadra da mettere in campo domenica pomeriggio contro il Milan. Anche ieri mattina al centro Sisport, infatti, nella lunga partita in famiglia durata quasi un’ora disputata sul campo principale dell’impianto di via Olivero, il tecnico friulano ha ribadito una volta di più le sue convinzioni dopo le prime prove della settimana. Don Fabio ha schierato, col classico 4-4-2, da una parte un undici che comprendeva la linea dei difensori titolari e dall’altra la squadra in cui aveva inserito le ‘prime linee’ mediane e avanzate. Per la cronaca la sfida è terminata 5-2 a favore dei ‘difensori’ (Pessotto-Montero-Cannavaro-Zambrotta più Buffon in porta), che potevano però contare sull’ispiratissimo trio Zalayeta-Mutu-Ibraimovic, autori di 4 delle 5 reti (doppietta dello svedese, una a testa per il rumeno e l’uruguaiano e Zambrotta a chiudere il conto).

Senza pettorine hanno giocato le presumibili prime scelte di attacco e centrocampo, con Del Piero e Trezeguet coppia avanzata supportati da Camoranesi, Emerson, Appiah e Nedved. Le due reti degli sconfitti sono giunte da Nedved e Trezeguet. L’unico assente di giornata è stato Tacchinardi, infortunato al ginocchio, mentre Zebina e il redivivo Thuram (primo giorno sul campo dopo due sedute in palestra) hanno lavorato a parte tra corsa e calcio-tennis. Thuram pare abbia concordato col tecnico una preparazione personalizzata e la sua presenza in campo al Meazza (al posto di Montero nella formazione di cui sopra) non dovrebbe essere in discussione.

di Roberto Grossi