Debacle TT Torino

marzo 7, 2005 in Sport da Redazione

E’ stato un week-end buio come la notte in casa Tennis Tavolo Torino. Tre sconfitte e un solo successo sono il magro bilancio tutto da dimenticare. Qualcosa da ricordare, in realtà, ci sarebbe stato in serie A1, se la buona prestazione dei tre quarti del gruppo non fosse coincisa con una giornata assolutamente negativa del numero uno Wu Nan, che per la prima volta non ha conquistato neppure un punto. E’ chiaro che con uno o due singoli portati a casa dal cinese, il 6-4 subìto contro il TT ’91 Este, secondo in classifica, avrebbe assunto un’altra veste. Dopo il 3-0 inflitto da Simone Spinicchia a Roncolato, Wu è partito a razzo, portandosi in vantaggio per 2-0 nel match che lo opponeva a Olivier Marmurek. Con il passare degli scambi, però, ha sofferto il gioco lento e tagliato del francese, che lo ha rimontato, e nel quinto set ha fallito sul 10-8 due match-point, prima di cedere per 12-10. Il confronto è girato rapidamente, perché Umberto Giardina ha ceduto nettamente a Sun Jun e Niagol Stoyanov ha battuto, secondo pronostico, sia Spinicchia sia Romualdo Manna. Il contraccolpo della sconfitta inattesa ha certamente influito su Wu Nan, che ha ceduto anche a Sun Jun. Sull’1-5 Giardina ha ritrovato il suo miglior rendimento e per Marmurek c’è stato ben poco da fare. Manna è passato come un rullo su Roncolato e anche Wu Nan e Giardina hanno disposto agevolmente di Sun Jun e Roncolato. La speranza del pareggio è rimasta viva anche nell’incontro conclusivo. Manna e Spinicchia, in svantaggio per 0-2 al cospetto di Marmurek e Stoyanov, si sono aggiudicati terzo e quarto parziale, ma nel quinto una falsa partenza è risultata fatale.

Certamente più amara è stata la battuta d’arresto, sempre per 6-4, della squadra di A2 sul campo del TT Brescia. L’esito è stato certamente condizionato dal forfait dell’ultimo momento, per motivi non chiaramente specificati, da parte di Gianbattista Casaschi. Il presidente Renato Di Napoli è andato su tutte le furie e si riserva di parlare con il dirigente accompagnatore, prima di prendere eventuali provvedimenti disciplinari nei confronti del giocatore. L’assenza del tortonese ha provocato lo spostamento al tavolo uno di Eugenio Panzera, che è stato sconfitto da Gigliotti e da Li Xiang. Liu Ziwen ha invece superato entrambi gli avversari. Al secondo tavolo il Conte Aliberti ha fatto doppietta contro Gusmini e il russo Moiseev, ma Alessandro Casaschi è rimasto a secco. I due doppi sono andati ai lombardi, che hanno festeggiato un risultato di prestigio. In B2 un grande Fabio Franco non è bastato per espugnare il terreno della capolista Regaldi Novara. Il collegnese ha battuto nettamente Sassi e alla “bella” sia Ferrari sia Semìta, rimontando quest’ultimo da 7-10. Emmanuele Visconti ha superato Ferrari e sul 4-4 le chance ospiti, con in campo Alessandro Pessione contro lo stesso Ferrari, parevano buone. Il portacolori torinese, per sua stessa ammissione, non è però riuscito a tirare i colpi e ha perso il punto. Il TT Torino, in seguito alla vittoria del Verzuolo, retrocede in terza posizione. L’unico sorriso per la società subalpina è venuto dalla C1, con il 5-1 (due singolari a testa conquistati da Pierluigi Bassoli e Fabrizio Corgiat e uno da Claudio Baiocchi) inflitto al Circolo Dipendenti Comunali Torino, che ha vendicato il 4-5 dell’andata.

di redazione