Danza allo Juvarra

novembre 12, 2004 in Spettacoli da Stefania Martini

Figura_umanaIn occasione del decennale della sua fondazione, la compagnia Agar presenta una breve retrospettiva, nella quale verranno proposti al pubblico torinese i lavori più recenti realizzati:

Monocore – odissea dell’immobilità # 1 , produzione 2004, da un’idea di Paola Bianchi, che ne cura anche la coreografia.

Figura umana – teatri anatomici di Francis Bacon realizzata nel 2001 e rappresentata ai maggiori festival di genere in Italia e in Europa, ultimo dei quali quello di Avignon quest’anno.

HaccaH (2004), spettacolo per bambini (dai 3 anni) e non solo che viene presentato in prima nazionale in questa occasione.

La compagnia Agar nasce nel 1994 per opera di Paola Bianchi (coreografa e danzatrice), Paola Chiama (danzatrice) e Paolo Pollo Rodighiero (light designer) e ha sviluppato negli anni una ricerca sull’espressività del gesto e dello spazio. Il corpo, non più costretto nella gabbia della danza accademica riacquista carnalità, peso, forza, debolezza, arricchendosi di potenzialità espressive. La danza diventa strumento di comunicazione, mezzo per esprimere emozione e narrazione.

Scenografie quasi assenti e comunque indispensabili all’azione, luci e musica che si integrano in un unico disegno drammaturgico: sono questi gli elementi che contraddistinguono gli spettacoli di questa compagnia.

Agar – 10 anni è un progetto realizzato con il contributo della Regione Piemonte.

PROGRAMMA

Teatro Juvarra, venerdì 12 novembre ore 21

Monocore – odissea dell’immobilità # 1

Teatro Juvarra, sabato 13 novembre, ore 21

Figura umana – teatri anatomici di Francis Bacon

Café Procope, sabato 13 novembre ore 21

Videoinloop, Figura umana – Instant movie n.2 – 2003, di Angel G. Villani

Teatro Juvarra, domenica 14 novembre ore 16.30

HaccaH (prima nazionale)

A seguire: Merenda a cura di Ivan Fantini, artigiano dell’artificio gastronomico.

Per informazioni: Teatro Juvarra, Via Juvarra 15 – Torino . Tel. 011 540675.

[email protected]

di Stefania Martini