Arena 2005

giugno 6, 2005 in Medley da Simona Margarino

«Io pur mi sento in vena di gridar: chi vuol, donnine allegre, un po’ d’amor!» (Luigi Illica/Giuseppe Giacosa, La Bohème)

Arena di VeronaInizierà venerdì 17 giugno la 83esima edizione del Festival dell’Arena di Verona. A inaugurarla, dopo 17 anni di assenza dal palco (l’ultima rappresentazione areniana fu nel 1988), La Gioconda di Amilcare Ponchielli, con un allestimento prodotto da Pier Luigi Pizzi, Donato Renzetti a dirigere l’orchestra, l’intepretazione di Andrea Gruber –nella parte di Gioconda che fu, a suo tempo, della splendida Callas- e Marco Berti –alias Enzo Grimaldi- e Gheorghe Iancu a curare la coreografia delle danze che vedranno grande protagonista l’ormai sempre applauditissimo Roberto Bolle.

A seguire e fino al 31 agosto, attraverso 5 titoli e 50 spettacoli, le grandi opere della nostra tradizione: di Giuseppe Verdi Aida (nella celebre regia di Franco Zeffirelli) e Nabucco (con il talento di Leo Nucci, affiancato da Susan Neves), di Giacomo Puccini La Bohème (con Fiorenza Cedolins – Mimì e Marcelo Alvarez – Rodolfo) e Turandot (con Josè Cura –già Radames in Aida- nuovamente nel ruolo di Calaf).

Se il successo di Aida , da anni punto di forza del festival, è ora indiscutibile, un’ombra leggera aleggiò invece al suo debutto alla Scala (dopo la prima al Cairo) nel 1872: pare che uno spettatore di Reggio Emilia, per nulla soddisfatto della rappresentazione, chiese il rimborso del biglietto, nonché delle spese sostenute; Verdi acconsentì ma, forte del sostegno dell’editore Ricordi, pretese che lo spettatore firmasse una ricevuta comprovante l’avvenuto pagamento e si impegnasse per iscritto a non ascoltare mai più una sua opera.

Anche la prima di Bohème al Regio di Torino, diretta dall’allora ventinovenne Arturo Toscanini, non riscosse d’altro canto l’entusiasmo sperato. Ma forse questo è il destino delle opere grandi: per capirle e amarle, bisogna conceder loro il tempo di farsi scoprire poco a poco. Fino a che non se ne può più fare a meno, insomma.

Biglietteria della Fondazione Arena: Via Dietro Anfiteatro 6/B – tel. 045/8005151.

Informazioni:

www.arena.it

Aida

23/Jun/2005 giovedì

26/Jun/2005 domenica

03/Jul/2005 domenica

10/Jul/2005 domenica

14/Jul/2005 giovedì

17/Jul/2005 domenica

20/Jul/2005 mercoledì

24/Jul/2005 domenica

27/Jul/2005 mercoledì

31/Jul/2005 domenica

04/Aug/2005 giovedì

07/Aug/2005 domenica

14/Aug/2005 domenica

18/Aug/2005 giovedì

21/Aug/2005 domenica

25/Aug/2005 giovedì

28/Aug/2005 domenica

31/Aug/2005 mercoledì

Gioconda

17/Jun/2005 venerdì

25/Jun/2005 sabato

02/Jul/2005 sabato

12/Jul/2005 martedì

16/Jul/2005 sabato

21/Jul/2005 giovedì

30/Jul/2005 sabato

La Bohème

09/Jul/2005 sabato

13/Jul/2005 mercoledì

23/Jul/2005 sabato

28/Jul/2005 giovedì

06/Aug/2005 sabato

12/Aug/2005 venerdì

20/Aug/2005 sabato

Nabucco

18/Jun/2005 sabato

24/Jun/2005 venerdì

01/Jul/2005 venerdì

08/Jul/2005 venerdì

15/Jul/2005 venerdì

19/Jul/2005 martedì

22/Jul/2005 venerdì

29/Jul/2005 venerdì

05/Aug/2005 venerdì

16/Aug/2005 martedì

19/Aug/2005 venerdì

23/Aug/2005 martedì

26/Aug/2005 venerdì

Turandot

13/Aug/2005 sabato

17/Aug/2005 mercoledì

24/Aug/2005 mercoledì

27/Aug/2005 sabato

30/Aug/2005 martedì

di Simona Margarino