XMAS CRAFTS

novembre 28, 2008 in Attualità da Redazione

Xmas CraftQuest’anno la mostra mercato di Natale dal titolo XMAS Crafts (29 novembre 2008 – 6 gennaio 2009) si rinnova e si arricchisce con un’altra importante, “rivoluzionaria” novità: il MIAAO (Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi) proporrà non solo “oggettistica” e merchandising, ma anche vere e proprie opere d’arte, riproponendo un Ufficio Vendite come quello per decenni attivato da istituzioni espositive come la Biennale di Venezia e poi, dopo la “contestazione” della fine degli anni ’60, abolito, in nome di un preteso “rifiuto del mercato”. Le ragioni di questa scelta, che farà certo discutere, sono presto dette.

Da una parte, i tagli ai finanziamenti pubblici per la cultura, destinati a divenire sempre più crudeli, rendono necessarie nuove azioni di autofinanziamento. Dall’altra, molti artisti di valore, soprattutto quelli “applicati” -ma non soltanto- non trovano accesso al “sistema” dell’arte. Ancora, compratori e collezionisti si trovano troppe volte di fronte a “valori aggiunti” non sempre giustificabili dal punto di vista del rapporto qualità-prezzo.

Il MIAAO “certificherà” quindi, culturalmente e commercialmente, le opere, cercando di garantire, non avendo fini di lucro ma di sola sussistenza, maggior utile ad artisti e artieri, maggior convenienza ai compratori, e fungendo da “calmiere di mercato”.

La prima sperimentazione di questo nuovo ruolo del MIAAO inizierà dunque con la mostra XMAS Crafts nella quale da un lato sarà di nuovo possibile acquistare geniali “carabattole” come quelle del gruppo di designer francesi che si autoproducono Atypyk; dall’altro, per la prima volta, quadri, grafiche e fotografie esposte in contemporanea nella mostra allestita nella Galleria Soprana del Museo, Dalle Città dell’Aldilà.

Qualche esempio? Dai divertissement dei magneti-scarafaggi da cucina a 7 euro o dal dispenser di tovaglioli e fazzoletti di carta a forma di cilindro da mago a 17 euro di Atypyk o alle borse della giovane stilista Matlama a 70 euro, sino a una grafica fine art in esemplare unico di Aurélien Police a 150 euro o una fotografia di Sir Simon Marsden a 300 euro o a un grande olio su tela storico di Pierre Clayette a 1500 euro (Nota bene: il MIAAO cerca di proporre, per non esercitare eccessiva “concorrenza” col privato, artefatti non disponibili altrove in Italia sul mercato).

Ma il MIAAO non è solo un museo-distributore, è anche produttore, e come piemontese è specializzato in enologia e gastronomia.

I vini del MIAAO -rosso, bianco e da dessert- sono squisiti per le papille e per gli occhi: il disegno delle etichette è infatti del gruppo di grafici Bellissimo.

Il cioccolato è intitolato Teo-bromina, “cibo da Dio”, foggiato a capsuloni su disegno di Daniela Boni dal Capitano Rosso.

Raramente questo primato subalpino nel gusto è insidiato al MIAAO, tranne quando si tratta di rendere omaggio a un vero campione del mondo, come il ‘confetturiere’ transalpino Francis Miot, le cui marmellate ‘storico-erotiche’ -la Couilles du Pape e la Cul d’ Ange, la Favorite du Roy e la Vert Galant “aux vertus aphrodisiaques”- titilleranno per la prima volta in Italia diversi organi e sensi, ‘alti’ e ‘bassi’, come altri prodotti da banco e “sottobanco”…

XMAS Crafts

M I A A O – Museo Internazionale delle Arti Applicate Oggi

Via Maria Vittoria 5 – Torino

29 novembre 2008 – 6 gennaio 2009

Inaugurazione: Sabato 29 novembre 2008 ore 18.00

Ingresso libero

ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO

da martedì a venerdì 16.00 – 19.30

sabato e domenica 11.00 – 19.00

lunedì chiuso

di Redazione