Un altro giocatore ceco per la Vecchia Signora, Grygera

febbraio 24, 2007 in Sport da Tomas

Zdenek GrygeraZdenek Grygera è bianconero. Un’altra importante pedina è stata posizionata sullo scacchiere della Juventus. Il difensore della Repubblica Ceca, attualmente giocatore dell’ Ajax e in scadenza di contratto, ha firmato un accordo che, dal prossimo giugno, lo legherà alla Juventus per cinque stagioni.

Alla Juventus troverà il suo connazionale Pavel Nedved. “La Juventus è ancora un grande club – aveva recentemente detto a uefa.com -. Seguo i loro risultati e credo che torneranno subito in Serie A. Sono spesso in contatto con Nedved, e anche lui è fiducioso. Abbiamo parlato della Juventus e mi ha detto che sarebbe felice se io arrivassi”.

E così la Juventus non se lo ha lasciato scappare, ascoltando i consigli della Furia Ceca ed ufficializzando sul proprio sito l’acquisto di un altro parametro zero, per non pesare troppo su di un bilancio che è ancora in attesa del nuovo sponsor che rimpiazzerà sulle maglie la Tamoil. Dopo gli acquisti di Gennaio di Salihamidzic e della giovanissima promessa Criscito, lasciato al Genoa fino a Giugno, la società di via Galileo Ferraris continua quindi a muoversi sul mercato dei giocatori senza contratto, puntando anche i difensori tedeschi Metzelder e Mertesacker, il centrocampista Frings e il talentuoso argentino del Barcellona, Saviola. Il direttore sportivo Secco commenta così il mercato bianconero:

“Criscito è un giocatore su cui facciamo molto affidamento, lo testimonia l’investimento per riportarlo a casa, tra i difensori classe ’86 è il più promettente, dovrà solo confermarsi. Salihamidzic ha dimostrato martedì il suo valore. L’ho visto nella gara che il suo Bayern ha perso a Madrid, ma quando è entrato lui la squadra ha trovato brillantezza e velocità. E’ uno che non ama perdere e noi siamo sempre alla ricerca di ragazzi che hanno fame e motivazioni.”.

Alessio Secco si sta muovendo così bene nel mercato, ed i progetti futuri societari sembrano allettare davvero il panorama calcistico europeo, che molti ex giocatori della rosa della passata stagione, tra i quali Emerson, Cannavaro e Zambrotta, non hanno affatto nascosto la possibilità di un loro gradito ritorno a Torino.

Sull’acquisto di Grygera, sempre Secco interviene al telefono nel corso di una trasmissione su Juventus Channel: “Siamo molto felici che questa trattativa sia arrivata in porto. E’ un giocatore già affermato e di grande esperienza, un nazionale ceco e da quattro anni un punto di forza dell’Ajax. E’ l’ennesima conferma che la società sta continuando a lavorare. Sappiamo che la Serie A deve ancora essere conquistata, ma la nostra è l’unica società che si sta muovendo per il futuro e questo è un fatto che va rimarcato”.

Mini biografia

Grygera è nato a Holesova (Repubblica Ceca) il 14 maggio 1980. Nel suo curriculum compaiono squadre importanti come lo Sparta Praga e l’Ajax dal 2003, formazione nella quale giocherà fino al termine di questa stagione, eliminata dalla Coppa Uefa questa settimana dal Werder Brema. Difensore ben strutturato fisicamente, è un ottimo marcatore che fa della duttilità una delle armi in più. Può infatti ricoprire più ruoli. Può giocare a destra o come centrale sia in una difesa a tre che in una difesa a quattro. Spicca nel gioco aereo che sfrutta nei suoi inserimenti, in particolare sulle azioni di calcio piazzato. Ha debuttato in nazionale il 15 agosto 2001 contro la Corea del Sud ed ha partecipato agli Europei del 2004 e ai Mondiali del 2006. Ha vinto il campionato olandese nel 2003-04, alla sua prima stagione all’Ajax.

Grygera ha molta esperienza internazionale (44 presenze in nazionale) e fino ad un paio di anni fa era considerato uno dei difensori più talentuosi d’ Europa, prima che un infortunio, un recupero problematico e il ridimensionamento del club olandese lo mettessero in secondo piano.

Curiosità: dopo aver svolto le visite mediche, il difensore ceco si è recato col connazionale Nedved presso il parco della Mandria, 6.500 ettari di boschi a nord-ovest di Torino, per visitare la sua futura abitazione; i due saranno infatti vicini di casa, in quanto anche il biondo centrocampista risiede lì.

di Tomas