TU QUANDO …

dicembre 4, 2011 in Poesie da Meno Pelnaso

MenoPelnaso_Spiaggia

tu, quando i cespugli erano castelli

tu, quando le fate dormivano sul tuo comodino

tu, quando i quadri erano le cartoline dell’estate

rumore di vetri in frantumi e fughe precipitose

lettere mai spedite e musica a tutto volume

tu, quando ballavi alla musica del walkman

tu, quando parlavi alla luna e lei sola ti ascoltava

tu, quando aspettavi inutilmente davanti al telefono

rumore di penne lanciate con rabbia e fogli strappati

porte sbattute e fughe in bici

tu, quando profumavi di borotalco

tu, quando il gelato era il drink

tu, quando mezzanotte era il coprifuoco

rumore di tuffi dalla zattera e risate squillanti

corse a perdifiato e sospiri di malinconia

tu, quando il fuoco illuminava i tuo viso

tu, quando un bacio faceva tremare il cuore

tu, quando una carezza faceva increspare la pelle

rumore di vestiti lasciati cadere sulla sabbia e la risacca

abbracci nudi sul bagnasciuga e tuffi nella notte

tu, quando pelle contro pelle il tempo passava troppo in fretta

tu, quando il desiderio faceva impazzire

tu, quando ogni parola era una poesia

rumore del motore che si accende e poi s’allontana

mani sul finestrino e dolore in mezzo al petto

tu, quando parlerai ancora alla luna senza aspettare uno squillo

tu, quando farà buio e ricorderai come era dolce il mare sulla pelle

tu, quando tornerà la pioggia e poi ancora

rumore di promesse infrante e passi nella notte

lacrime che si mescolano alle gocce e insegne che lampeggiano

tu, quando sarai … un respiro solo … nel buio di una stanza

tu, quando rimarrà solo il ricordo del profumo della sua pelle

tu, quando il caffè in solitudine è sempre amaro

rumore di pensieri spezzati e fughe dai ricordi

musica assordante per non pensare e poi …

… improvvisamente è già domani … senza sapere come …

Affettuosamente Vostro

Meno Pelnaso

di Meno Pelnaso