The Tube AtriumCittà II

giugno 4, 2006 in Attualità da Cinzia Modena

Atrium logoLocation: Torino.

Oggetto: incontri e approfondimenti

Dove: Atrium (Piazza Solferino)

Proseguono una serie di appuntamenti ospitati nella struttura di piazza Solforino, Atrium. Qusta settimana tre gli incontri previsti. Il primo è un approfondimento del tema dei “Gladiatori”: un viaggio tra palestre ed ideologie. Il secondo invece è centrato sulle contaminazioni internazionali: sono ospiti due rappresentanti della terra dei Balcani. Il terzo è un’intervista a Naldini ed un vero e proprio viaggio nel Novecento.

  • Programma

    5 giugno, h. 18,00

    La forza delle immagini

    Antonio Franchini discute di “Gladiatori” con Luca Massimo Barbero.

    Antonio Franchini ha esordito nel 1991 con “Camerati”. Quattro novelle sul diventare grandi.

    Narratore segnalato da vari premi, discute con Luca Massimo Barbero, fotografo e curatore del Guggenheim Venezia sulle immagini e le storie di Gladiatori: un itinerario tra palestre e ideologie.

    6 giugno, h. 18,00

    La lingua in viaggio

    Italo-stranieri, dai Balcani Artur Spanjolli e Ornela Vorpsi.

    Numerosi sono gli autori provenienti da altrove che scrivono in italiano o hanno attraversato il paese a partire da un confronto serrato con la lingua.

    Artur Spanjolli, autore di Artur (Eduart, Besa) e Ornela Vorpsi, vincitrice del Premio Grinzane-Cavour con Il paese dove non si muore mai, Einaudi) raccontano una lingua in viaggio dai Balcani verso nuove destinazioni.

    10 giugno, h. 18,00

    I ricordi

    Nico Naldini. Come non ci si difende dai ricordi. Introduce

    Stefano Casi.

    Come non ci difende dai ricordi, edito da L’Ancora del Mediterraneo è il più recente approdo di un percorso di memorialista che attraversa il Novecento italiano.

    Naldini allo stesso tempo firma un’autobiografia e una storia culturale, che passa dal gender quanto dalle scelte estetiche, ricostruendo moti di affetto e creazione che tornano in alcuni punti nodali del Novecento italiano. Le pagine dedicate a Pasolini affondano nei miti dell’infanzia e dell’adolescenza, su cui scrive Dacia Maraini nella prefazione, ad Atrium per Torino Capitale Mondiale del Libro, lo scrittore presenta una conversazione a partire dai temi di questo volume.

  • Per informazioni:

    Fondazione per il libro, la musica e la cultura

    Tel. 011 517.53.54

    www.trwbc.it

    [email protected]

    di Cinzia Modena