Tesi di laurea e editoria

maggio 29, 2005 in Medley da Sandra Origliasso

Tesi di laurea e editoria, un binomio fino ad oggi impossibile. Grazie all’accordo fra Prospettiva Editrice, Tesionline e Corriere della Sera sarà più facile pubblicare la propria tesi di laurea. I volumi scelti, dopo un’attenta selezione, saranno pubblicati sia su supporto cartaceo sia su pdf e resteranno a disposizione di studiosi, laureandi e cultori della materia. Sull’argomento abbiamo interpellato Andrea Giannasi, direttore di Prospettiva Editrice.

La possibilità per i giovani neolaureati di poter vedere finalmente pubblicata la loro fatica è una bella novità. Ma in che cosa si distingue la collana “I Territori” di Prospettiva Editrice da una normale collana di saggistica?

La collana “I Territori” è interamente dedicata alle tesi di laurea frutto di anni di lavoro di migliaia di neolaureati italiani. Tra queste si trovano elaborati unici, che possono colmare lacune esistenti su certe materie ed argomenti. Per questo motivo abbiamo deciso con Tesionline-Corriere della Sera di firmare un accordo che preveda la pubblicazione, la divulgazione, ma soprattutto la diffusione di queste opere.

Qual’ è il profilo del candidato ideale?

Non esiste un profilo pre-determinato. Ogni neolaureato può inviare in visione il proprio elaborato passando attraverso Tesionline. Ovviamente abbiamo escluso le tesi in materie tecniche e scientifiche che hanno un bacino di utenti troppo ristretto e, soprattutto, non rientrano nella linea editoriale della casa editrice.

Vi aspettate un grande afflusso di tesi di laurea, master, dissertazioni e via dicendo?

In pochi giorni sono arrivate quasi 2800 tesi di ogni campo e grado. Lavori meravigliosi che stanno impegnando severamente la nuova squadra creata per le selezioni. Prevediamo comunque di raggiungere in pochi mesi le 10000 tesi.

In Italia si parla spesso di scadimento della cultura scolastica. Possiamo considerare quest’importante iniziativa anche come un modo per smentire un ingombrante luogo comune?

Assolutamente sì. Quest’iniziativa è unica nel suo genere. Nessuno fino ad oggi aveva scelto di intraprendere azioni come questa. E’ certamente un vanto sia per Prospettiva editrice, ma soprattutto per Tesionline e il Corriere della Sera. Abbiamo mutuato il modello anglosassone augurandoci di poter, in breve tempo, colmare un vuoto che un paese come il nostro non poteva tollerare.

La coabitazione fra versione cartacea e pdf è sicuramente un’idea adeguata al pubblico che ne deve fruire. Avete pensato di fare versioni di un testo in più lingue?

I tempi impongono di fornire, a tutti gli studiosi e ai possibili futuri lettori, differenti possibilità di acquisto dei libri. Dunque unire la versione pdf di Tesionline e la versione cartacea di Prospettiva Editrice è l’ideale, in quanto permette a tutti di far veicolare il proprio lavoro. Il libro può entrare in biblioteca in formato cartaceo per una più facile consultazione, ma anche negli uffici e sui computer dei singoli studiosi per una migliore conservazione. “I Territori” è un progetto ambizioso che riserva difficoltà date dagli argomenti di nicchia e da alcune letture molto specializzate. In ogni caso vale la pena lavorare per il futuro culturale del nostro paese.

di Sandra Origliasso