Su il Sipario!…Flash

febbraio 27, 2008 in Spettacoli da Stefania Martini

Pizzicato

  • Giovedì 28 e Venerdì 29 Febbraio, ore 21 – Teatro Garybaldi, Settimo Torinese. Canzoni d’amori folli. Appunti per un pop-concert

    Ed è un taccuino di storie, riscritture e liriche autentiche quello messo a punto dal poeta e scrittore Cristian Ceresoli, coadiuvato dal compositore e regista Antonio Pizzicato, con la complicità, in lingua originale, di Dante Alighieri, Edoardo Di Capua, Caio Valerio Catullo, Adriano Celentano, Lorenzo Cherubini, Thomas Stearn Eliot, John Lennon, Giacomo Leopardi, Mogol, Gianni Morandi, Gino Paoli, Rainer Maria Rilke, William Shakespeare, Little Tony, Zucchero. Tra l’alto e il basso, l’aulico e il volgare, il raffinato e il grossolano, il comico e il tragico, in quest’opera convergono fatti, articoli di cronaca, moltissime canzoni e l’invenzione di una scrittura da subito concepita per il canto e trasformata come una partitura di parole in musica.

    Lo spettacolo ha debuttato al Festival di Castrovillari nel giugno del 2007 registrando il tutto esaurito; all’ottima accoglienza del pubblico è corrisposta una positiva attenzione della critica.

  • Venerdì 29 Febbraio, ore 21 – Teatro Giacosa, Ivrea. Le follie del Monsignore

    Nelle leggende metropolitane di Napoli il personaggio di Monsignor Perrelli, vissuto nel 1700, è una delle “maschere” più ricordate.

    Nel 1991 Peppe Barra e Lamberto Lambertini pensarono di riproporre la leggenda di Monsignore, inventando di sana pianta un personaggio nuovo da mettere accanto a Perrelli: un’idea banale ma che nessuno aveva avuto prima. Chi vive in simbiosi con un Monsignore, seguendolo fedelmente fino alla morte? Ma che domande! E’ la sua governante, la serva devota che Alessandro Manzoni nei Promessi sposi immortalò nella serva di Don Abbondio, cioè in Perpetua, nome che diventò per antonomasia la fedele serva di tutti i Monsignori. Accanto a Monsignor Perrelli, Peppe Barra e Lamberto Lambertini crearono quindi Menica, la perpetua pettegola, tenera, affettuosa, vigile, brontolona, golosa come il suo padrone, plebea, nella sua sana saggezza. Se il ruolo del Monsignore è affidato a Patrizio Trampetti, Peppe Barra tiene per sé proprio il ruolo di Menica, per una irresistibile interpretazione “en travestì”.

    A distanza di molti anni Monsignore e Menica ritornano in un nuovo adattamento fatto da Peppe Barra e Paolo Memoli. Lo spettacolo offre l’ennesima dimostrazione di come Peppe Barra incarni la maschera per antonomasia del teatro partenopeo e, insieme, manifesta il profondo attaccamento dell’artista napoletano alla sua terra.

  • Venerdì 29 Febbraio, ore 20.45 – Auditorium Fassino, Avigliana. Il compleanno

    Tratto da un’opera di Harold Pinter, con la regia di Fausto Paravidino, “Il compleanno” si dimostra una pièce complessa, sorprendendo lo spettatore con un inaspettato ribaltamento generazionale: Stanley, il perseguitato, è più grande del suo persecutore Goldberg.

    Come sottolinea lo stesso Paravidino, ”Il Compleanno” anticipa molta della drammaturgia di Pinter da grande. C’è la minaccia dal mondo esterno. C’è un grande villain. C’è il mistero nel/del quotidiano. C’è la politica: la maggioranza silenziosa e la dittatura della democrazia. I testi di Pinter, e questo non fa eccezione, sono campi minati di misteri. Il lavoro da fare è lasciarli tali senza farsene accorgere.

  • Sabato 1 Marzo, ore 21 – Teatro Giacosa, Ivrea. Chisciotte e gli invincibili

    Da un testo inedito di Erri De Luca uno spettacolo-ballata dedicato agli invincibili: ai migratori che attraversano a piedi il mondo, ai prigionieri, alla persona amata che è nell’ultima fibra della resistenza di un uomo. Un omaggio a chi, proprio come Chisciotte, non vuole essere spettatore passivo, ma è capace di sentire sulla propria pelle e nel proprio sistema nervoso le prepotenze del mondo.

    Storie d’amore, di guerra e di prigionia, raccontate dalle poesie di Alberti, Brecht, Hikmet, Sarajlić, Ungaretti e De Luca, e dalle canzoni di De André, Endrigo, Vian e Testa.

  • Domenica 2 Marzo, ore 21 – Hiroshima Mon Amour, Via Bossoli, 83 – Torino. Pensieri scartati.

    La Circoscrizione 9 in collaborazione con La Bonaventura, nell’ambito della seconda edizione della rassegna “Su il Sipario … alla Nove” presenta lo spettacolo curato da Circolo ARCI Mario Dravelli Compagnia SKENE’.

    Tre esistenze e un cubo, crocevia di pensieri e decisioni, luogo fisico per la scelta consapevole e allo stesso tempo culla per sogni e desideri non palesati, ma palpitanti.

    Tre esistenze e un cubo, e la voglia di attingere dalle vite degli altri, rubare un profumo, un pezzo di cartone, una macchia…


    Con Veronica Forioso, Elena Pisu e Maria Grazia D’ambrosio.

    INGRESSO LIBERO.

    di Stefania Martini