Scrivi il paesaggio del vino

febbraio 27, 2003 in Attualità da Stefano Mola

33848(1)

Se leggere è importante, lo è altrettanto sperimentarsi in prima persona con la parola scritta, cercare di fissare sulla pagina quello che abbiamo dentro. Non soltanto la lettura è una scoperta: anche un foglio bianco può essere l’inizio di un viaggio dentro noi stessi. Provare a scrivere, è difficile. Quando parliamo, le parole escono da noi e volano nell’aria e la forma non sempre sembra così importante. Quando invece proviamo ad allinearle su un foglio, è tutto diverso. Bisogna cercare un ordine, una struttura, anche se dietro alle nostre intenzioni scorrono emozioni profonde. Bisogna lottare con quei segni neri, fino a quando approssimano almeno un po’ quello che sentiamo.

Per questo credo sia molto importante creare delle occasioni, delle trappole, che spingano a provare questa cosa bellissima e difficile. Avere intorno delle opportunità è fondamentale. Pensate ad esempio cosa vorrebbe dire essere nati col patrimonio genetico di Pelè nelle steppe dell’Asia centrale, col primo stadio a giorni e giorni di yak di distanza, senza avere forse mai l’occasioni di tirare un calcio a un pallone.

Il Premio Grinzane Cavour, oltre che a diffondere il virus della lettura, prova anche con quello della scrittura. E lo fa, in questo caso, spronando a parlare del paesaggio del vino, con questo concorso riservato agli studenti delle scuole medie superiori, giunto ormai alla sua terza edizione. Il tema è fecondissimo (ne sono testimonianza gli oltre 2000 elaborati ricevuti) ed è simbolo delle profonde radici che il premio intende mantenere col territorio, insieme alla sua ormai consolidata dimensione internazionale.

La premiazione dei vincitori si terrà Sabato 1 Marzo, alle ore 10:30, in uno dei simboli della cultura del vino in Piemonte: il castello di Barolo. Saranno presenti la Giuria, presieduta dallo scrittore Raffaele Nigro e composta da Luciano Bertello, Luigi Cabutto, Mario Guidotti, Sergio Miravalle, Giuliano Soria, Luigi Sugliano e Giusto Truglia e Felice Cerruti Presidente della Banca d’Alba, promotrice del premio insieme al Grinzane.

I vincitori sono:

I sezione

(riservata a studenti delle scuole medie superiori del territorio di competenza operativa della Banca d’Alba):

1. Jacopo Seccatore – Arma di Taggia

2. Leonardo Niglia – Torino

II sezione

(riservata a studenti delle scuole medie superiori del restante territorio nazionale):

1. Vanessa Piccoli – Lucca

2. Daniela Massaro – Napoli

di Stefano Mola