Roma-Juve 0-2 : Grazie Roma

aprile 4, 2011 in Sport da Tomas

pagelle

Del Neri conferma di saper preparare le sfide contro le big pur dovendo fare a meno di 3 dei propri campioni oltre ai soliti noti. Chiellini aveva già lasciato sola la retroguardia a causa dell’ infortunio in amichevole con la nazionale, dell’ ultima ora la defezione di Del Piero per un affaticamento muscolare, mentre Buffon proprio il giorno della gara si arrende all’ influenza. Che sia un anticipo della prossima stagione senza i tre capitani solo il tempo ce lo dirà, ma in questa serata romana i bianconeri hanno dimostrato di poter fare a meno di loro. Storari si dimostra per l’ ennesima volta un grande portiere sfoggiando un primo tempo superlativo rimanendo attento nella ripresa quando i giallorossi impensieriscono di meno la difesa juventina, mentre Barzagli non fa rimpiangere il nazionale toscano. Del Piero è insostituibile e per questo Del Neri deve modificare il modulo inserendo Pepe provando un 4-3-3 sporco e molto dinamico che vede Krasic svariare su tutto il fronte offensivo lasciando Matri come unica punta là davanti. Marotta nel prepartita conferma le mosse di mercato della Vecchia Signora per la prossima stagione, senza fare nomi ripropone come obiettivi 2 top player di qualità che riescano a fare quel salto ad una squadra che sarà la prima ad avere uno stadio di proprietà in Italia, con tutti i vantaggi che ne conseguiranno per le casse bianconere purtroppo fin troppo in rosso anche senza dover pensare alla zona Champions. I giallorossi perdono l’ occasione invece per riavvicinarsi al 4° posto, in una giornata positiva dal punto di vista dei risultati delle pretendenti per l’ ultimo posto Champions, proprio alla vigilia dell’ acquisto da parte del gruppo americano guidato da Di Benedetto della quota maggioritaria delle azioni del club di Unicredit presieduto da Rosella Sensi.

  • Queste le squadre che son scese in campo:

    ROMA (4-2-3-1): Doni; Burdisso, Mexes (5’ s.t. Cassetti), Juan, Riise; Pizarro, De Rossi; Menez, Perrotta (29’ s.t. Taddei), Vucinic (29’ s.t. Boriello); Totti

    A disposizione: Lobont, Greco, Rosi, Brighi.

    Allenatore: Montella

    JUVENTUS (4-3-3): Storari 9; Motta 6 (1’ s.t. Grygera 6), Bonucci 5.5, Barzagli 6, Grosso 7 (37’ s.t. Sorensen sv); Aquilani 7, Felipe Melo 7.5, Marchisio 6; Krasic 7.5 (41’ s.t. Salihamidzic sv) , Matri 6.5, Pepe 6.5.

    A disposizione: Manninger, Giandonato, Toni, Libertazzi.

    Allenatore: Del Neri

    RETI: 19’, 35’ p.t. Matri, 41’ p.t. Jimenez, 35’ s.t. Parolo

  • La partita

    I bianconeri partono bene ed al 5° Krasic serve Pepe a sinistra che prova il tiro spedendolo di poco fuori. La Roma al 9° si fa vedere con Vucinic che avanza e sul suo tiro trova il miracolo di Storari che manda in angolo. Al 12° Totti viene lanciato davanti a Storari ma sbaglia il controllo lasciando al portiere la palla. Al 16° Krasic avanza trovando il blocco difensivo avversario Aquilani si inserisce cercando il pallonetto ma spedendo fuori la conclusione ad effetto. Al 30° colossale occasione per Totti che servito da Vucinic a destra calcia al volo trovando però saracinesca Storari a bloccare il pallone poi Bonucci rinvia. Al 34° Grosso prova la conclusione di testa sugli sviluppi di un calcio d’ angolo ma con poco fortuna. Vucinic ci riprova al 41° calciando dal vertice sinistro dell’ area spendendo di poco fuori il pallone. Nel finale è De Rossi che tenta la gran conclusione al 46° ma Storari è insuperabile ed in tuffo sventa l’ ennesima occasione per i padroni di casa, poi i bianconeri su contropiede trovano Matri che non riesce a calciare come si deve lasciando che Doni raccolga il pallone chiudendo il primo tempo sullo 0 a 0. Nella ripresa i giallorossi sembrano a corto di fiato ed al 15° Marchisio serve Grosso a sinistra, aspetta il momento propizio e piazza la palla ad un Krasic tutto solo in area che calcia al volo segnando il goal del vantaggio bianconero. Dopo un primo tempo con Storari protagonista una vera beffa per il pubblico dell’ Olimpico. Al 20° Matri viene servito tutto solo davanti a Doni che però riesce a chiudergli in tempo lo specchio, il bianconero serve indietro a sinistra Pepe che tenta il tiro senza grossa fortuna con Doni che blocca. Pepe ci riprova al 24° ma Doni è attento. La miglior occasione della ripresa per i giallorossi è di Menez che da destra tenta il gran tiro trovando però la traversa a Storari battuto, poi Vucinic non riesce a trovare subito lo spazio per il tiro facendo piazzare così Storari che blocca tranquillamente la successiva conclusione. Al 28° i bianconeri potrebbero raddoppiare con Krasic servito da Aquilani sulla destra, ma Doni sventa e poi Matri riesce solo a sfiorare il pallone. Un minuto dopo il definitivo 2 a 0 con Matri lanciato tutto solo da Grosso con Juan che lo tiene in gioco, Doni non può nulla e la palla finisce in fondo al sacco. La partita finisce con i bianconeri che controllano ed i giallorossi che non riescono a pungere più, nemmeno con gli ingressi di Taddei e Borriello.

    Nella giornata che rispedisce l’ Inter a 5 punti dal Milan, grazie alla vittoria rossonera nel derby meneghino, è solo il Napoli a reggere il passo vincendo contro la Lazio di rimonta al S. Paolo. Perde anche l’ Udinese e così i bianconeri si riavvicinano alla chimera Champions. Il Palermo viene steso nel derby contro il Catania e Cosmi saluta la panchina dei rosanero. Nelle retrovie la vittoria del Lecce contro i friulani li porta fuori dalle ultime 3, ma Brescia e Cesena non demordono. La vittoria del Bari contro il Parma forse non servirà, se non all’ esonero di Marino.

    Per commenti, consigli, opinioni scrivi a : Tomas .

    di Tomas