Raffaello. Il sole delle arti

ottobre 6, 2015 in Arte, Attualità, Net Journal, Primo Piano da Benedetta Gigli

raffaello_visione-di-ezechiele_3La Reggia di Venaria ospita fino al 24 gennaio 2016 una mostra su alcuni dei capolavori di Raffaello Sanzio, pittore tra i più celebri del Rinascimento italiano.

Il fulcro dell’esposizione è costituito da un nucleo di opere del maestro, che evocano il racconto della sua prodigiosa carriera artistica, le persone che ha conosciuto, le diverse città dove ha vissuto. A documentare gli anni della sua formazione è una scelta di opere di artisti che hanno avuto per lui un ruolo fondamentale, vale a dire il padre Giovanni Santi, il Perugino, il Pinturicchio e Luca Signorelli.

L’obiettivo è quello di  accostarsi alla geniale personalità di Raffaello anche da un punto di vista inconsueto e imprevedibile, vale a dire illustrando il suo impegno creativo verso le cosiddette “arti applicate”, che tradussero nelle rispettive tecniche suoi cartoni e disegni nonché incisioni tratte dalla sua opera, e che nel corso del Cinque e Seicento costituirono il veicolo privilegiato per la diffusione e la conoscenza in Italia e nel resto d’Europa delle invenzioni figurative dell’Urbinate: arazzi, maioliche, monete, cristalli di rocca, placchette, smalti, vetri, armature, intagli.

Martedì 17 novembre è previsto l’arrivo in mostra dell’opera Busto di un angelo (Pala Baronci) di Raffaello.

Per informazioni: www.lavenaria.it