Proposte per un week-end nel Roero

febbraio 16, 2001 in Enogastronomia da Claris

Colline fiabesche e turismo culturale, nobili vini e curiosità gastronomiche, sagre paesane e borghi in festa: ecco l’affascinante offerta turistica delle Langhe e del Roero per ottobre e novembre.

Per tutto l’autunno, ricche sono le proposte per un week-end di sapori antichi e nuovi elisir, di arte e realtà archeologiche: un’ottima opportunità per i turisti, italiani e stranieri, di conoscere una delle più affascinanti zone piemontesi.

Alba tra Palio e tartufi

La storica rievocazione della vita medioevale albese, animata da 500 figuranti in costume, e il Palio con gli Asini da parte dei Borghi: ecco la ricca proposta per domenica prossima, 1° ottobre. S’inizia alle 14.30 con la sfilata dei gruppi storici, da p.zza Savona per raggiungere l’arena del Palio. Qui seguono rievocazioni e spettacoli, tra cui quello sempre affascinante degli sbandieratori della città di Alba. Infine due batterie e la finale (alle 17.00) del Palio italiano più scherzoso: la vittoria è affidata alla tenacia e all’umore dei simpatici ciucci.

Se in primavera tutta l’attenzione è focalizzata su Vinum, l’ottobre albese è caratterizzato da migliaia di turisti e gourmet alla ricerca del miglior tartufo bianco: ecco tornare allora la prestigiosa fiera del tartufo, giunta alla 70a edizione. Oltre 250 espositori presentano il magico prodotto della terra così raro e ricercato, ma la fiera è anche un’occasione per conoscere gli altri prodotti agroalimentari delle Langhe e del Roero, oltreché per visitare Alba, la città delle cento torri, patria dell’enogastronomia piemontese.

Bra tra nuovi design e antichi cortili

E’ stata appena archiviata con il consueto successo di partecipanti la 5a edizione della manifestazione “da cortile in cortile” che altre proposte stuzzicanti sono alle porte, pardon in cortile.

Ricca di arte e cultura, Bra, la città degli orti e delle concerie, dell’animato borgo barocco e delle leccornie pasticcere, ha visto lo scorso week-end il centro invaso da turisti per le visite guidate al nucleo storico (da palazzo civico a Museo Craveri) e per l’itinerario enogastronomico alla scoperta dei cortili e dei cibi tipici, salsiccia cruda e frittata alle erbe, tomino elettrico e agnolotti al plin, bollito misto e formaggio Bra su tutti i gusti e i palati.

Dal 7 al 29 ottobre si svolge “Dedalus – giornate braidesi sul design”. La manifestazione nata nel 1986, quasi per caso, è giunta alla 7a edizione. Il tema è quello dell’Arca, in altre parole gli oggetti, reali e tangibili, che valgono la pena di essere portati nel nuovo millennio. Faranno le loro proposte anche personaggi autorevoli, da Giorgetto Giugiaro a Renzo Piano, da Fiorucci al professor Pitteri.

Clou della manifestazione sarà, il 14 ottobre, la consegna del premio Dedalus riservato a giovani designer europei.

Una parte consistente della città di Bra, per numero e promotori, non dimentichiamolo, sarà poi presente a Torino, dal 25 al 29 ottobre, al Salone del Gusto, organizzato da Slow Food, via Audisio, 12042 Bra (tel. 0172/43.67.11).

Cherasco culla d’arte

Se l’attuale mostra a Palazzo Salmatoris, dedicata a Giuseppe Vignani, sta per concludersi (dura fino all’8 ottobre), già fervono i preparativi per la successiva esposizione, consacrata al maestro De Chirico.

La mostra di Vignani sta riscuotendo un buon successo di pubblico: questo artista affascina con i suoi personaggi sospesi (che a volte ricordano Chagall), i suoi colori tenui, i suoi paesaggi surreali, sognanti e ironici al tempo stesso.

La mostra su De Chirico (1888 – 1978) sarà uno degli eventi d’arte dell’anno, dal 14 ottobre al 17 dicembre. L’intero percorso artistico del complesso pittore sarà rappresentato: dai dipinti del periodo metafisico alla rivisitazione dei grandi del passato, alla neometafisica degli ultimi decenni. Oltre a dipinti e sculture, saranno presenti disegni e scritti autografi di uno dei più importanti maestri del novecento italiano.

Bene Vagienna

Domenica 22 ottobre sarà un’occasione particolare per visitare i resti romani, le contrade, gli antichi portici e i palazzi gentilizi della millenaria Bene Vagienna, l’antica Augusta Bagiennorum.

Vi saranno, infatti, due manifestazioni contemporanee di grande interesse. La 19a edizione del mercatino dell’antiquariato proporrà 300 bancarelle ricche di antichità da collezione nel centro storico, sotto i vetusti portici.

Parallelamente, organizzata dall’associazione commercianti e artigiani benesi, si concluderà la fiera del porro, curiosa manifestazione dedicata a un prodotto tipico di queste terre.

Ente turismo Alba, Bra, Langhe, Roero

via Moffa di Lisio, 14 – 12042 Bra (To) – tel. 0172/438.324

p.zza Medford, 3 – 12051 Alba (To) – tel. 0173/358.33 

di Claudio Arissone