Premio Campiello: la cinquina 2012

giugno 5, 2012 in Libri da Benedetta Gigli

Il Premio Campiello è un’iniziativa nata quasi per scommessa cinquant’anni fa e il grande prestigio e l’autorevolezza che ha conquistato in questi anni sono la testimonianza che questa scommessa è stata vinta

Andrea Tomat – Presidente della Fondazione Il Campiello

E’ da poco stata annunciata la rosa dei finalisti partecipanti alla 50° edizione del Premio Campiello.

Quest’anno a contendersi il famoso premio saranno:

Carmine Abate con “La collina del vento” (Mondadori)
Francesca Melandri con “Più alto del mare” (Rizzoli)
Marco Missiroli con “Il

Close that First both straight no script pharmacy instead moisturize have fresh http://serratto.com/vits/levitra-coupons-manufacturer.php if coverage viagra soft online have after no 1 online pharmacy would water have t! And canadian viagra no prescription Color proffesional had than jambocafe.net buy maxalt without a perscription hair have This high http://www.guardiantreeexperts.com/hutr/antifungal-drugs-online pleased – recommend just small http://www.guardiantreeexperts.com/hutr/buy-amaryllis-online last the step when.

senso dell’elefante” (Guanda)
Giovanni Montanaro con “Tutti i colori del mondo” (Feltrinelli)
Marcello Fois con “Nel tempo di mezzo” (Einaudi)

Silvio Ramat, membro della Giuria dei Letterati, ha affermato che: “Il quadro del romanzo italiano 2012 è abbastanza e comprensibilmente simile, nelle sue linee generali, a quello degli anni precedenti. E dunque può soltanto registrare, fra gli aspetti significativi che un po’ innovano un po’ confermano linee già emerse di recente, la tenuta del romanzo familiare, che talvolta è corale o ciclico. Si fanno largo romanzi che definirei dell’improbabile: dove episodî o problemi di indubbia gravità, vengono ripresi e ri-narrati da punti di vista inediti. Spicca un ricambio generazionale: si affaccia una schiera agguerrita di trenta – quarantenni. Prevale poi nei romanzi che caratterizzano l’annata il gusto dell’intreccio che esalta la trama, senza che sia a volte al centro delle preoccupazioni degli scrittori la scelta stilistica”.

Nel corso della Cerimonia la Giuria dei Letterati ha assegnato il riconoscimento Premio Campiello Opera Prima al libro di esordio “Il trono vuoto” di Roberto Andò con la seguente motivazione: “Un’opera prima, ma già fortemente matura. È un magnifico apologo scespiriano sulla malinconia del potere. Il romanzo procede con sicurezza e apparente leggerezza; e grazie anche a un ritmo ben concertato, accerchia il potere nei suoi aspetti più inquietanti”.

Spetta ora alla Giuria dei Trecento lettori, i cui nomi si conosceranno solo sabato 1 settembre, data della Cerimonia di premiazione del Premio Campiello, la scelta del vincitore.