Portici di carta ricorda Calvino

settembre 17, 2010 in Attualità da Stefano Mola

se ammettiamo che il lavoro dello scrittore possa essere influenzato dall’ambiente in cui si compie, dagli elementi dello scenario circostante, allora dobbiamo riconoscere che Torino è la città ideale per lo scrivere… Torino è una città che invita al rigore, alla linearità, allo stile. Invita alla logica, e attraverso la logica apre alla follia

Italo Calvino

CalvinoSono passati quasi 25 anni dalla scomparsa dell’autore del Barone Rampante. A essere precisi, l’anniversario cade nella notte tra il 18 e il 19 settembre. Proprio nella prossima fine settimana Torino, nell’ambito di quella fiera del libro autunnale en plein air che è Portici di carta, dedica una serie di manifestazioni per ricordare uno scrittore che a questa città ha tanto dato con la scrittura e con il lavoro culturale nella casa editrice Einaudi.

Sabato 18 settembre alle ore 21 in piazza San Carlo una serata letteraria ricorderà l’opera di Calvino e proporrà letture di brani di romanzi e racconti che hanno saputo abbracciare tutte le tendenze letterarie italiane, rimanendo nel solco dell’originalità e sempre tese alla ricerca. Ricordi, testimonianze e riflessioni saranno proposti al pubblico da Ernesto Ferrero, a lungo collega di Calvino all’Einaudi e direttore del Salone Internazionale del Libro, e Silvio Perrella, professore e saggista, autore del saggio Calvino (Laterza, 1999).

Domenica 19 settembre un itinerario letterario ripercorrerà i luoghi più significativi di Calvino a Torino. Come guida il giornalista Piero Bianucci che accompagnerà le tappe dell’itinerario con brani calviniani. Ritrovo alle 10 in via Biancamano, sede dell’Einaudi. Si prosegue in via Pietro Micca 22, alla Libreria Torre di Abele che espone le prime edizioni dei volumi dello scrittore. Si raggiunge corso Valdocco, passando accanto all’edificio che ospitò la redazione della sede torinese dell’Unità dove Calvino lavorava come giornalista. La passeggiata continua in Corso Regina fino al Cottolengo, che fa da sfondo al romanzo La giornata di uno scrutatore. L’itinerario, dopo aver attraversato via Santa Giulia dove Calvino abitava, si conclude in via Mazzini, presso la Birreria Mazzini, locale frequentato da Calvino insieme ad altri intellettuali.

Torino inoltre invita librai, biblioteche, negozi, stampa e scuole di tutta Italia affinché si uniscano in questo omaggio allo scrittore, esponendo copertine o pagine di libri di Calvino nelle librerie ed esercizi commerciali, dedicando spazi nelle pagine di giornali o nei notiziari, organizzando letture nelle scuole e nelle biblioteche. Le foto delle vetrine più originali e scenografiche andranno inviate all’indirizzo mail [email protected] e saranno pubblicate sul sito di Portici di Carta. L’autore di quella giudicata più creativa sarà premiato con l’opera completa di Calvino.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Ali (Associazione Librai Italiani), la Scuola Librai di Orvieto e la Scuola Librai «Umberto e Elisabetta Mauri» di Venezia. Chi desidera accogliere l’invito può aderire contattando gli organizzatori a [email protected]; [email protected]; 011 517.63.60.

di Stefano Mola