Motocross: da Venaria al mondo

febbraio 16, 2001 in Sport da Redazione

Era finita in agrodolce la stagione passata. Un europeo sfuggito per un doppio guasto tecnico, ma un campionato italiano stravinto senza problemi. Insomma Stefano Dami era contento a metà. Quest’anno il giovane pilota di Venaria riparte alla grande. La sua scuderia si è ingrandita, grazie alla fusione del team PVD di Diego Portavarriolo e della Dami Racing. Un meccanico pronto ventiquattro ore su ventiquattro e pure una moto nuova.

Al posto delle Yamaha, Pvd Dami Racing correrà con le Honda, che a quanto dicono gli esperti sono le migliori. Per finire Dami ha un compagno di scuderia. Si tratta del giovanissimo Paolo Schneider, che quest’anno esordirà nella classe senior 125.

Stefano Dami riparte quindi rinfrancato e rinnovato. Una stagione che sarà comunque difficile. Dopo il titolo italiano dell’anno scorso, il torinese ha addosso gli occhi puntati di tutti gli addetti ai lavori e dovrà dimostrare di essere al pari dei grandi campioni mondiali. “Il mio obiettivo – dice Dami – è quello di vincere l’Europeo e di far bene negli Assoluti d’Italia, che quest’anno vedranno in pista i migliori piloti al mondo. Sono soddisfatto della nuova moto e dell’appoggio che tutta la scuderia mi sta dando”.

Il primo appuntamento stagionale è con la gara di Montevarchi valida per gli Assoluti d’Italia. L’Europeo, rinnovato nella forma, inizierà il 4 marzo a Talavera in Spagna. Infine il 25 marzo a Montello inizierà il campionato italiano.

Per quanto riguarda Schneider, l’obiettivo principale è quello di crescere. Il sedicenne di Biella ha grosse potenzialità e può imparare i trucchi del mestiere dal suo compagno di squadra e dagli avversari.

Purtroppo ancora una volta si nota, la poca cultura sportiva italiana. Dami è campione Italiano e ha ben figurato agli Europei, ma ancora una volta deve stringere la cintura per far quadrare il bilancio

di Fabio Granaro