Mondo Nuovo apre in centro

novembre 27, 2008 in Attualità da Redazione

Mondo_Nuovo_01Nei momenti di crisi economica, si sa, le prime spese a saltare sono i piaceri. Il Natale si avvicina, e le tavole imbandite delle feste rischiano di essere un po’ più sobrie. Anche i pacchetti regalo rischiano il “passaggio in lavatrice ad alte temperature”, uscendone in belle confezioni ma ristrette, di una o due taglie più piccole.

Quello che si sa forse un po’ meno è che nei momenti di crisi una delle prime spese a diminuire, e di molto, è la casella “solidarietà”; rientrando nella categoria “spese superflue” e non in quella “spese indispensabili”, tutti o quasi si ritrovano, a volte inconsciamente, a diminuire tale voce. Chi lo fa perché è una possibilità di sgravio fiscale, guadagnando meno ha meno da sgravare. Quelli meno abbienti, spesso più sensibili alle difficoltà umane altrui ma economicamente con meno margine di manovra, sono obbligati a donare meno per poter sovvenire dapprima ai bisogni della propria famiglia. Gli operatori del settore, ad esempio della Caritas, sono i primi a dirlo: “A volte abbiamo signore cono pochi mezzi finanziari che ci portano qualcosa tutti i mesi. In questo periodo vengono addirittura scusandosi per il poco che possono dare!”

Ma perché fare meno regali e meno solidarietà? Da tempo esiste un modo per coniugare i due: il commercio equo-solidale. E quest’anno a Torino c’è un occasione in più di fare bene: un punto vendita in pieno centro su un’asse di grande passaggio e visibilità!

cuore_Torino_03Mondo Nuovo, cooperativa da anni impegnata nell’economia di tipo etico, apre la quarta bottega cittadina (sesta del gruppo sul territorio provinciale), in associazione con la centrale di importazione più grande d’Italia Altromercato. Un’importante sfida e scommessa del mercato equo-solidale, ma che poggia su delle solide fondamenta: storia settennale, 300 aderenti, 15 stipendiati, prodotti di qualità, esposizione in negozio curata e gradevole, più che cortesia dei venditori, proposte di volontariato e di investimenti etici, informazione, iniziative culturali. Tutto questo più la cosa più importante dal punto di vista del mondo del commercio classico: l’esistenza di un mercato, di un pubblico, sempre più interessato e coinvolto.

Sono lontani i tempi in cui le botteghe del commercio equo-solidale potevano far sorridere gli scettici, assomigliando talvolta a dei magazzini di carabattole. Con un mercato ormai maturo, tutto fa pensare ad un punto vendita di commercio normale; salvo che la filosofia che vi sta dietro non è mai cambiata: dare la possibilità ai produttori ed agli artigiani del sud del mondo di vivere del loro lavoro, applicando prezzi equi e permettendo loro di reinvestire localmente.

Oltre alle compere di Natale, quest’anno in regalo c’è pure l’occasione di fare la festa: la bottega di Via XX Settembre apre sabato 29 novembre, ed ovviamente ci vuole il brindisi. Alle 11:30 si stapperanno le bottiglie, e si potrà vedere chiaramente l’atmosfera che regna in una bottega del commercio equo, dove si parla, si scherza, ci si informa, ed in tanto si scoprono tanti prodotti ben fatti, non solo belli ma anche buoni. Venite ad incontrare Luisa, Chiara, Paolo, Gianluca, Andreina, Lorenzo, Alberto, Silvia, Mario, Paolo… venite ad incontrare Angelica, Gorki, Jorge, Louw, Danelia, Koopman, Debasish, Mamadou, Rabindranath, Fahmida, Nguyen, i tanti produttori del cosiddetto “Sud del Mondo”.

E non dimenticate di fare i regali per Natale: potrete fare due azioni buone in un colpo.

Altre occasioni di fare la festa vi aspettano con Mondo Nuovo. Prima fra tutte, il 5 dicembre, con una cena di sensibilizzazione e, naturalmente, a base di prodotti equo solidali.

Bottega Mondo Nuovo, via XX Settebre 67, a due passi da via Garibaldi.

Sabato 29 novembre 2008; 11:30: inaugurazione con brindisi.

Per informazioni: www.mondo-nuovo.it

di Diego DID Cirio