Luisa Lambri a Guarene

giugno 11, 2001 in Arte da Claris

24650(1)Un senso d’immensa impotenza verso strutture architettoniche gigantesche, di vuoto esistenziale dell’uomo negli ambienti da lui costruiti, di solitudine come formiche nello spazio, ma anche di soddisfazione per le creazioni dell’ingegno umano. O forse di ambiente per supereroi, ricordate l’uomo ragno e le scalate su pareti verticali impossibili o la donna invisibile e le sue apparizioni dietro la bolla protettiva? Ecco le prime sensazioni distillate osservando le foto di Luisa Lambri.

All’artista comasca, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per l’Arte, confermando il suo intento di promuovere l’arte delle nuove generazioni, dedica a Palazzo Re Rebaudengo, fino al 9 settembre 2001, una mostra personale, come parte del progetto che vede la Fondazione impegnata ad organizzare ogni anno una mostra consacrata ad alcuni tra i più interessanti giovani artisti italiani. E la Lambri, nata nel 1969, indubbiamente lo è, vincitrice, nel 1999, del Leone d’Oro per il Padiglione Italiano alla XLVIII Biennale di Venezia.

La mostra, curata da Francesco Bonami, è organizzata in collaborazione con il Kunstverein di Ludwigsburg, dove è già stata presentata dal 21 gennaio all’11 marzo di quest’anno. L’edizione italiana ospita diverse produzioni inedite dell’artista: 8 fotografie e una proiezione di diapositive; insieme a due opere recenti e ad un video scelti dal suo percorso.

Il lavoro di Luisa Lambri è una ricerca sui volumi attorno ai quali si sviluppa l’idea di architettura. Le foto non sottolineano l’aspetto fisico dello spazio architettonico, ma si fermano alla dimensione psicologica dell’esperienza attraverso l’architettura. La vera architettura è quella che il soggetto riesce a dimenticare diventandone parte: le sue foto documentano questa simbiosi fra sguardo, corpo e spazio.

L’artista stessa afferma: “Non c’è nessun rapporto diretto tra la funzione degli edifici e le mie immagini, io cerco di restituire uno stato d’animo, un’atmosfera. Per me fotografare uno spazio significa prima di tutto registrare un’idea, un ricordo, un’emozione. L’architettura m’interessa solo perché la abito, ogni volta in modo diverso, da un punto di vista diverso, e per la possibilità di trasformarla in qualcosa di diverso da quello che è.

In un certo senso non è un processo molto diverso da ciò che Le Corbusier faceva negli anni Trenta nell’Esprit Nouveau, quando fotografava i propri edifici e poi ne ritoccava le immagini per dare una nuova forma alla propria architettura e alle sue visioni, per innescare nuove possibilità, nuovi sguardi. Io cerco di fare qualcosa di simile: provo a gettare uno sguardo personale sugli edifici disegnati da alcuni grandi architetti. Tra il mio sguardo e il loro progetto spero che si insinui il germe di una variazione, come se si generassero nuove possibilità ed emozioni. E’ come immaginare un’architettura in potenza o declinare i casi di una grammatica sentimentale inscritta in ogni edificio.”

24649I lavori presentati a Guarene, tutti senza titolo, restituiscono la passione della Lambri nel ricercare spazi particolari, con luminosità inconsuete, con sfumature e tonalità riposanti, mai troppo cariche o stantie. Il vagabondare di Luisa Lambii nell’architettura, edificio dopo edificio, assume la dimensione del sogno di un nottambulo metodico. Lo spazio riempito dalla stessa luce neutrale bluastra elimina qualunque riferimento ad un luogo, una società o una cultura. Le sue immagini costituiscono un esercizio di attraversamento della linea di confine tra la vita e la morte, tra la funzione e l’ideale.

La mostra è accompagnata da un elegante catalogo, a metà tra la rivista d’arredamento di lusso e l’apoteosi di un album di fotografie senza commenti, corredato da testi critici (in italiano, inglese e tedesco) di Francesco Bonami (direttore artistico della Fondazione) e Agnes Kohhneyer (direttore del Kunstwerein Kreis di Ludvigsburg), nonché da un’interessante intervista all’autrice.

Accanto alle opere della Lambri, la Fondazione propone alcuni dei principali lavori partecipanti all’annuale Premio Guarene Arte. E’ con immenso piacere che il pubblico può scoprire o osservare nuovamente opere di artisti internazionali lanciati a Guarene e, alcuni, ormai ben noti a livello internazionale.

Luisa Lambri

Periodo: 27 maggio – 9 settembre 2001

Luogo: Palazzo Re Rebaudengo, piazza del Municipio, Guarene d’Alba

Orari: domenica dalle 14.30 alle 19.00; su appuntamento durante la settimana

Ingresso: L. 8.000 intero; 6.000 gruppi; 4.000 ridotto

Informazioni: tel. +39/011.562.55.36

di Claris