Lippi: organico competitivo, puntiamo a tutto

gennaio 15, 2004 in Sport da Roberto Grossi

La Coppa Italia non sarà l’obiettivo principale della stagione ma Marcello Lippi, almeno a parole, dichiara di tenere molto anche a questo obiettivo: “Champions League e campionato vengono prima in ordine di importanza – ammette il tecnico alla vigilia della partenza per Perugia – ma noi vogliamo arrivare in fondo anche in questa manifestazione. Con gli umbri non sarà facile: in campionato gli uomini di Cosmi hanno qualche problema ma nelle coppe vanno forte. Inoltre ci hanno sempre fatto soffrire, l’ultimo esempio è la recente partita di campionato al Delle Alpi e l’anno scorso ci hanno eliminato proprio dalla coppa Italia. Quindi sono contento di poter mettere in campo una formazione molto competitiva, forte sia tecnicamente che fisicamente e molto equilibrata. D’altronde il nostro organico ci permette di poter affrontare tutte le competizioni in maniera ottimale: anche senza Davids non abbiamo bisogno di alcun arrivo, siamo in 25, e anche se dovessero partire uno o due giocatori rimarremmo in 23, un numero più che sufficiente per gli ultimi 4 mesi di stagione agonistica”.

La coppia d’attacco sarà composta da Miccoli-Di Vaio, due giocatori che vorranno dimostrare di meritare più considerazione, schiacciati come sono dal duo Del Piero-Trezeguet.

Di Vaio ieri ha addirittura reclamato pubblicamente più spazio, temendo di perdere anche la Nazionale. Ma Lippi smorza subito i toni: “Miccoli torna nella città che lo ha valorizzato al meglio e avrà tanti stimoli perché vorrà ben figurare davanti al suo ex-pubblico. Anche in campionato voleva giocare contro gli umbri ma io devo fare delle scelte. Non ho letto i giornali e quindi non so cosa abbia detto Di Vaio ma posso assicurarvi che parlo spesso con i miei giocatori e non c’è nessun problema con loro. Quel che conta è ciò che dicono al sottoscritto, quel che leggo sui giornali conta relativamente…”.

La sfida con gli umbri sarà l’occasione per molti bianconeri di rivedere Fabrizio Ravanelli, vecchio compagno di squadra appena approdato alla corte di Gaucci: “Ravanelli è un personaggio con grande carattere e disponibilità – conclude Lippi -, ha fatto una parte importante di storia della nostra società disputando tante gare di alto livello. Sarà un piacere rivederlo e salutarlo”.

Notiziario

Lippi lascia a casa sette giocatori per la trasferta di Perugia: Del Piero, Trezeguet, Nedved (tutti e tre leggermente acciaccati ma recuperabili per domenica contro il Siena), Buffon, Ferrara, Conte e Montero. Trasferta lampo in giornata: partenza mercoledì mattina da Torino, rientro in nottata.

Probabile formazione

Chimenti; Thuram, Legrottaglie, Iuliano, Pessotto; Maresca, Tacchinardi, Tudor, Zalayeta; Di Vaio, Miccoli. (Mirante, Birindelli, Zambrotta, Camoranesi, Appiah, Fresi, Benjamin)

di Roberto Grossi