Libraio per caso

novembre 14, 2008 in Libri da Stefano Mola

Librai per casoVoi che amate le librerie. Voi che prima di tutto vi leggete tutta la vetrina, comunque, anche se ne già viste altre. Voi che consultate la vetrina delle vostre librerie preferite come un oracolo, o un viso che conoscete da tempo e di cui spiate ogni segno, come per capirne l’umore. Voi sicuramente avete pensato di essere librai per un giorno. Anche per più di un giorno. Chissà come avete immaginato la vostra libreria. Chissà come avete immaginato di trattare i clienti. E voi invece che non siete così, avete mai pensato di fare i librai, almeno per un giorno?

Voi intendendo i primi, quelli fanatici ai limiti della malattia, quelli che poi non esitate a criticare le librerie vere, perché amate visceralmente, sicuramente sarete interessati a sapere come sarebbero le librerie immaginate degli altri. E forse anche voi, intendendo i secondi, quelli che invece alle librerie non ci pensate tanto, magari una curiosità sul perché uno possa scegliere di fare dei libri un vestito, potreste avercela. Una curiosità come quella per un animale strano.

Ebbene, voi, nel senso di proprio tutti, avete la possibilità di incontrare autori, intellettuali, giornalisti, ma anche imprenditori, professionisti e politici torinesi – di fatto o d’adozione che per un giorno si metteranno un costume da libraio per presentare, consigliare, raccomandare, raccontare, annusare insieme a voi (tutti) libri.

Tutto questo avverrà a partire da Sabato 15 Novembre 2008, presso il nuovo punto vendita delle Librerie COOP, in Piazza Castello 113, a Torino. Una sfida che Librerie Coop, sotto la consulenza di Romano Montroni, libraio di lunga esperienza, lancia ai protagonisti della vita culturale e della scena pubblica torinese per dimostrare quanto vendere libri sia un mestiere complesso, fatto non solo di abilità commerciale, ma soprattutto di sensibilità, competenze e attitudini.

Ecco alcuni nomi: Ferdinando Albertazzi, Andrea Bajani, Remo Bassetti, Marco Belpoliti, Vittorio Bo, Francesco Cataluccio, Giuseppe Culicchia, Guido Davico Bonino, Oscar Farinetti, Ernesto Ferrero, Ernesto Franco, Bruno Gambarotta, Elena Loewenthal, Davide Longo, Paola Mastrocola, Nico Orengo, Gabriella Perugini, Emiliano Poddi, Bruno Quaranta, Pierangelo Sapegno, Elena Varvello, Dario Voltolini, Hamid Ziarati.

Con chi si comincia? Con un uomo che ai libri ha dedicato l’intera sua vita: con lo scrittore e direttore della Fiera Internazionale del Libro di Torino, Ernesto Ferrero (Sabato 15 Novembre 2008, ore 17:30).

Ernesto Ferrero ha lavorato a lungo nell’editoria (è stato direttore editoriale di Einaudi e Garzanti e direttore letterario di Mondadori). Dal 1998 è direttore della Fiera internazionale del libro di Torino. Tra i suoi libri, i romanzi N. (Premio Strega 2000), L’anno dell’Indiano (Einaudi 2001), La misteriosa storia del papiro di Artemidoro (2006), tutti presso Einaudi; una biografia di Barbablù, il mostruoso Gilles de Rais del Medioevo francese (ora nei Tascabili Einaudi); le Lezioni napoleoniche sulla natura degli uomini, le tecniche del buon governo e l’arte di gestire le sconfitte (Mondadori), il monologo teatrale Elisa (Sellerio), una biografia per immagini di Italo Calvino (Album Calvino, con L. Baranelli, Mondadori), il libro di memorie I migliori anni della nostra vita (Feltrinelli, 2005) e Primo Levi. La vita le opere (Einaudi 2007). Per i bambini ha scritto L’Ottavo Nano (Il Battello a vapore) e Il giovane Napoleone (Gallucci). Traduttore di Flaubert e Céline, collabora a “La Stampa”.

Gli altri appuntamenti di Novembre sono con Elena Varvello (Sabato 22 Novembre 2008, ore 17:30) e Bruno Gambarotta (Sabato 29 Novembre 2008, ore 17:30)

di Stefano Mola