Juve-Bologna 0-2 : L’eterna illusione

febbraio 27, 2011 in Sport da Tomas

pagelle

Quale sia il virus che sta debilitando questa squadra è un mistero. Ed un rimedio lo si dovrà trovare al più presto visto il prossimo match contro la capolista, battuta all’ andata a S. Siro e che dovrà prima allontanare il pericolo Napoli lunedì sera. Il virus che sta velocemente contagiando tutti, anche i nuovi acquisti, pare avere origine dopo l’ esonero di Ranieri. Da allora tutte le certezze, la sicurezza, la serenità mentale svaniscono alla prima difficoltà per ricompattarsi solo nelle grandi sfide di cartello. La vittoria ottenuta contro l’ Inter pareva aver riportato fiducia in una squadra che ne aveva assolutamente bisogno, ma la sconfitta incredibile di Lecce ha riportato subito indietro le lancette dell’ orologio del campionato ai fantasmi della partita con il Parma. Andrea Agnelli è arrivato pure a commentare amaramente l’ impegno profuso dai giocatori confermando la fiducia al tecnico, ma la scossa che doveva colpire nell’ orgoglio i bianconeri non ha avuto l’ effetto voluto. La partita casalinga contro il Bologna doveva riaprire i giochi per la Champions, o almeno non chiuderli definitivamente, una vittoria anche non convincente avrebbe potuto riportare serenità ad un gruppo che pare non riuscire mai a ribaltare una situazione negativa, dove la Fortuna non da nemmeno una mano, ma del resto è solita aiutare gli audaci ed i bianconeri, in questo momento, sembrano tutto fuorché capaci di mostrare audacia in campo. Dopo un primo tempo che poteva finire senza infamia in vantaggio per i bianconeri, anche se le occasioni limpide non sono state molte a favore della squadra di Del Neri, la ripresa parte subito con l’ handicap. E non è la prima volta che capita. La reazione, seppur debole, si vede anche, ma il Bologna raddoppia e la Juventus affonda tra i fischi ed i tifosi che tornano a chiedere il ritorno di vecchi campioni come Lippi e Vialli o dell’ intramontabile Moggi, ormai simbolo di questo sfacelo senza fine. Che sia lui il vero portatore sano di questo virus sconosciuto ?

  • Queste le squadre che son scese in campo:

    JUVENTUS (4-4-2): Storari 5; Grygera 5 (24’ s.t. Pepe 5.5), Bonucci 4, Barzagli 5, Chiellini 6; Krasic 5.5, Melo 6, Marchisio 5.5, Martinez 5 (1’ s.t. Del Piero 6); Matri 5, Iaquinta 5.5 (1. s.t Toni 5).

    A disposizione: Manninger, Motta, Traore, Salihamidzic.

    All. Del Neri

    BOLOGNA (4-3-1-2): Viviano; Esposito (31’ p.t. Mutarelli), Portanova, Britos (32’ s.t. Cherubin), Rubin; Perez, Mudingayi, Casarini; Della Rocca; Meggiorini (43’ s.t. Buscé), Di Vaio.

    A disposizione: Lupatelli, Morleo, Gimenez, Paponi.

    All.: Malesani.

    RETI: 4’ s.t., 21’ s.t. Di Vaio

  • La partita

    Juventus con Martinez dal primo minuto a sinistra e Iaquinta in coppia con Matri in attacco, mentre in difesa torna Grygera a destra. Al 10° una punizione di Krasic da sinistra finisce deviata in angolo da Mudingayi. Un minuto dopo Melo recupera un pallone ed avanza servendo a sinistra Martinez, la palla torna a Melo che tenta il tiro ma trova solo un angolo. Al 14° Chiellini entra in area ed appoggia indietro per Matri tutto solo ma il tiro è sbagliato e finisce incredibilmente fuori. Melo ci riprova al 26° con un tiro parato da Viviano, poi Iaquinta cerca di spingere in rete ma Viviano è attento e blocca. Al 33° Krasic per Matri a sinistra, palla in mezzo per Iaquinta e tiro alle stelle. Unica occasione della prima frazione per il Bologna al 38° con un’ uscita a sinistra di Storari che chiude in angolo. Incredibile sfortuna al 44° quando su calcio d’ angolo Chiellini svetta e Iaquinta in mezza girata calcia sul palo a portiere battuto. Nella ripresa Del Neri cambia Iaquinta e Martinez con Del Piero e Toni. Si gioca con un 4-3-3 che dovrebbe rendere più spavalda la squadra, ma al 4° c’è l’ errore imperdonabile che consente al Bologna di passare. Lancio per Di Vaio, tenuto in gioco da Bonucci, Chiellini non riesce a recuperare sulla diagonale e l’ ex supera Storari con un tocco sotto anticipando di poco il terzino bianconero. I bianconeri ci provano all’ 11° su punizione di Del Piero da sinistra, ma la palla attraversa tutta l’ area con Toni che non riesce ad arrivarci sul secondo palo. Dopo un tentativo fallito da Di Vaio, ci prova Del Piero al 12° depositando fuori il pallone. Fino al raddoppio sono solo punizioni di Del Piero ad impensierire i felsinei, con al 20° Bonucci in scivolata che non riesce a spingere in rete una palla che sembrava quella del pareggio, poi Britos rinvia. Al 21° Meggiorini viene lanciato a sinistra, tacco per Di Vaio che fa quel che vuole in area e calcia sul primo palo dove Storari avrebbe forse potuto coprire meglio. Altre 2 punizioni di Del Piero, al 25° deviata in angolo ed al 34° con una capocciata di Bonucci che finisce di poco fuori. Al 39° Pepe serve da sinistra in mezzo Toni che a colpo sicuro si vede respinto sulla linea da Portanova la palla dell’ 1 a 2. Finisce così con un risultato che non era mai stato portato a termine dal Bologna a Torino.

    Ennesima giornata persa per i bianconeri, con la Lazio che resta ferma a 7 punti perdendo a Cagliari, la Roma che pareggia in casa con il Parma di Amauri, dopo la vittoria nel recupero contro il Bologna di mercoledì, ed il Palermo che si becca 7 sberle dall’ Udinese di Guidolin, ormai ad un passo dal 4° posto. L’ Inter vincente a Marassi aspetta il big match tra Milan e Napoli.

    Per commenti, consigli, opinioni scrivi a : Tomas .

    di Tomas