Josef Koudelka, Vestiges 1991-2014

marzo 9, 2015 in Arte, Fotografia, Net Journal, Primo Piano da Benedetta Gigli

Io non fotografo architettura. Non fotografo archeologia. […] Fotografo il paesaggio che emerge […] il paesaggio all’origine delle nostre culture europee 

Josef Koudelka,  divenuto famoso per aver raccontato con i suoi scatti il ’68 della città di Praga, è da oltre vent’anni impegnato in Vestiges, un progetto che propone la sua interpretazione fotografica e artistica di alcuni dei più importanti siti archeologici della cultura romana e greca, in un itinerario attraverso venti paesi, dalla Grecia al Libano, dalla Siria all’Algeria, dalla Turchia all’Italia e oltre duecento località che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Un’esplorazione davvero unica che non ha precedenti in luoghi simbolo come il Tempio di Delfi, i Templi di Zeus e Poseidone in Grecia, il Foro Romano e la Via Appia a Roma, il Tempio di Sibilla a Tivoli, il Tempio di Apollo in Turchia, le tombe di Petra in Giordania, le rovine di Sabratha, in Libia.

Questa ricerca per immagini si trova espressa nelle Sale del Cannoniere del Forte di Bard: oltre 60 fotografie di cui 22 panoramiche di grandi dimensioni riempiono le stanze secondo un allestimento che coniuga il minimalismo dell’approccio del fotografo con il suggestivo senso di camminamento tra le rovine. Un lavoro fatto di grande costanza e perseveranza. L’artista coltiva una predilezione particolare per le rovine, senza celebrarne l’atmosfera malinconica ma con l’obiettivo di restituirne l’autentica bellezza. Il suo intento è usare l’arte per riappropriarsi di un mondo che ci sta sfuggendo e che potremmo perdere. Trasformare le macerie in speranza: è questo il grande ed ambizioso progetto che Koudelka cerca di realizzare con il suo eccezionale viaggio. Un viaggio in costante divenire che si arricchisce di nuovi capitoli.

Orari

martedì-venerdì 10.00 – 18.00

sabato, domenica e festivi 10.00 – 19.00

chiuso il lunedì

Tariffe

Intero 6,00 euro

Ridotto 5,00 euro

Info www.fortedibard.it