Iniziamo dai tacchi …

luglio 11, 2011 in Racconti da Meno Pelnaso

Tanto per cominciare iniziamo dai tacchi.

Alti almeno quindici centimetri, … sandali aperti, … bianchi, … con una leggera zeppa.

Allungano il piede affusolato dalla unghie luccicanti di smalto.

Danno l’idea di essere tutt’altro che comode, ma l’effetto è certamente spettacolare.

MenoPelnaso_IniziamoDaiTacchi

Su quei trampoli salgono …

… salgono …

… salgono due gambe lunghe, anzi lunghissime, …

… nude, … sode, … lucide, … leggermente color caffelatte …

… non magre, … non robuste, … … semplicemente perfette!

… la muscolatura leggermente contratta, in modo discreto, sotto la pelle serica … la fanno rimanere in equilibrio precario su quei trampoli bianchi che allungano ancor di più, come se ce ne fosse stato bisogno (!), i già slanciati arti inferiori.

Poi …

… appoggiato delicatamente sopra quei lunghissimi piedistalli …

… un rotondo, … sodo, … giovane, … sostenuto culetto che sembra non aver altro da fare che farsi notare …

Si muove a destra e a sinistra, … spavaldo, … arrogante, … sorridente, … sembra che parli!

Una fascia (minigonna) bianca, giropass… OPS! … per così dire …. “minimalista”, per tre quarti coperta da una cintura nera, lo avvolge lasciando poco all’immaginazione e scoperto tutto, o quasi tutto, ciò che si può scoprire!

(… e forse anche qualcosa di più!)

Il ventre è dello stesso colore uniforme delle gambe.

È scoperto, anzi … completamente nudo, … liscio, … piatto, … compatto, … tonico, … quasi muscoloso, ma senza esagerare, … impreziosito da luccichii in zona ombelico.

Il vitino da vespa fa intendere attività “atletiche” quotidiane, presumibilmente frequenti, e … “performance” … olimpiche!

Il seno sodo, prominente ma proporzionato, faticosamente contenuto da una fascia elastica striminzita, sembra spingere sul tessuto per farlo esplodere.

La semitrasparenza fa “intuire”, … anzi lascia proprio vedere due grossi capezzoli turgidi che sembrano voler perforare il sottile nastro.

Le spalle, il collo ed il viso non si vedono.

Da dietro strombazzano.

È diventato verde ormai da un po’.

Quelli davanti a me sembrano non volersi schiodare da quel miraggio.

Anche le ragazze della macchina che segue sembrano però ipnotizzate dalla visione di quell’esemplare di femmina felina seminuda, … l’effetto vedi/non vedi è più a favore del primo caso che del secondo …

… prenderanno appunti?

Ma lei non si mostra …

… ehm, … cioè … non mostra il viso … intendevo (!) …

… infilata com’è dentro il finestrino della macchina …

… dei Vigili Urbani!

Poi, una paletta sventola dall’altro finestrino ed invita nervosamente la fila a mettersi in moto …

… cosa c’è tanto da guardare? …

Su!, …

… tornate a casa dalle vostre compagne/i …

… non c’è nulla di strano da vedere …

… È UN CONTROLLO DI ROUTINE!!!

Affettuosamente Vostro

Meno Pelnaso

di Meno Pelnaso