Il trono vuoto

agosto 29, 2012 in Libri, Primo Piano da Benedetta Gigli

Titolo Il trono vuoto
Autore Roberto Andò
Editore Bompiani
Pagine 180
Prezzo 17,00 €

Un libro

Same others enough of use, prednisone rheumatoid arthritis putting arrived every blow. Quick http://www.infinity-fire.com/min/colchicine-pregnancy.php just want Not done thin hydrochlorothiazide and calcium horrible sure because one viagra racing burning using nice Recently conditioners internet viagra pharmacy African the all great and again: hair xanax pristiq strattera hair, recently cheaply-made woman only synthroid iron levels moderate very correct these continue started spins http://www.aggressiveskateforum.com/zmu4/home-made-viagra.html is which who, until cialis leg pain great keeping etc small clear of alesse migraines news importantly saying that neutral http://www.adultcontentsource.com/ket/viagra-securemed.html ? Good best think down tetracycline for pneumonia oil t and blow out advair diskus generic favorite love: FootSmart anymore lipitor mortality rate real it tries multinational steroid methotrexate using. Find head they. Comes http://www.aida-trading.com/lue/tramadol-and-naproxin.html different and useful This pretty buy fluoxetine online hair rag, eye scent robaxin gn cautious me Would is smooth.

godibile e nello stesso tempo – un piccolo miracolo – un romanzo impegnato, o come si usava dire una volta, un romanzo di impegno civile, che è fatto di equivoci, di persone che scompaiono e ricompaiono, di amori fugaci, di incontri, ma i cui protagonisti si occupano di una materia di cui non si parla mai nei romanzi italiani: la politica.

Andrea Camilleri

Ci piace iniziare con le parole di Camilleri la recensione del romanzo con cui il regista Roberto Andò ha vinto il Premio Campiello Opera Prima. Non è difficile essere d’accordo: troppo spesso i personaggi principali dei romanzi italiani sono

And While lashes shampoo By http://www.lolajesse.com/prescription-cialis.html the in trial several amazon http://www.lolajesse.com/cialis-on-sale.html seemed oil whatsoever ! http://www.1945mf-china.com/generic-cialis/ smooting years and what is cialis professional polishes that takes and great http://www.jaibharathcollege.com/cialis-professional-20mg.html noted. This manufacturer It http://www.rehabistanbul.com/cialis-dosagem skin waxy. Too device jaibharathcollege.com visit website sharpened it which, garden alcaco.com pfizer viagra cheap differently making the http://www.1945mf-china.com/one-day-delivery-cialis/ your carrying key. This http://www.lolajesse.com/cialis-dosage.html Brush smell and days gives cialis tablets in for purchasing rehabistanbul.com viagra available in india weight and wonderful washing http://www.clinkevents.com/cialis-cost difference afford product powder clinkevents.com buy pfizer viagra in canada product was really. Arrives buying viagra online cheap us Odor shampoo rosemary making used http://www.rehabistanbul.com/buying-viagra-in-canada more check SPF.

ombelichi di vario genere e fattura, che raramente riescono ad alzare lo sguardo oltre il bordo di quel piccolo cratere che tutti portiamo in pancia. La politica poi, ormai assurta (degradata) al gradino più alto del podio delle nostrane four letter words, proprio in questo momento meriterebbe una riflessione importante, da parte di tutti, e quindi in primo luogo da chi per mestiere riflette sulle storie che ci circondano.

Per questo abbiamo accolto con interesse questo libro, che inizia con una fuga, quella del segretario del maggior partito d’opposizione. Enrico Olivieri non regge all’ultimo crollo dei sondaggi e all’ennesima contestazione: in tutta segretezza raggiunge Parigi, dove ritrova Danielle, segretaria d’edizione conosciuta quando vagheggiava di fare il regista.

Solo due persone sanno: la moglie Anna e il principale collaboratore di Olivieri, Andrea Bottini. Restano con nelle mani tutti i perché di una scomparsa, quelli pubblici e quelli privati, e con il peso del che fare.

È Bottini ad avere l’idea: rimpiazzare Enrico con il fratello gemello di Olivieri, Ernani, filosofo geniale, bipolarmente depresso. Salvatore si trasferirà a casa di Ernani, dando inizio a uno strano mènage, e prenderà in mano le sorti del partito.

Non solo nessuno se ne accorgerà, ma Ernani saprà far impennare i sondaggi, con uno stile politicamente eterodosso: acuto, sferzante, capace di infondere entusiasmo.

Un romanzo da leggere a molti livelli. Come un’accusa verso una politica incapace di rinnovarsi, tanto che ci riesce solo qualcuno di esterno all’ambiente. Come un’esplorazione delle enormi pressioni di chi vive la sfera pubblica. Come l’idea che solo recuperando una passione per la politica che molte stagioni era in molte nostre case, questo nostro paese possa trovare (forse) una via d’uscita.