IL CUORE ANTICO

novembre 8, 2010 in Cinema da Gino Steiner Strippoli

Per non dimenticare le tradizioni celtiche e la vera storia dell’Europa: giovedì sera 11 novembre al Cinema Empire di Torino sarà presentato per la prima volta il film “Il Cuore Antico”prodotto dalla Ecospirituality Foundation Onlus

Il cuore antico_danze celticheUn libro, un film. Da sempre registi cinematografici di tutto il mondo prendono ispirazione dalla letteratura e dai romanzi per dar vita sul grande schermo alle storie più incredibili e ai documentari più curiosi. Nel caso de “Il Cuore Antico” film ispirato dal libro-documento scritto da Giancarlo Barbadoro e Rosalba Nattero il regista Luca Colarelli ha voluto raccontare la ricerca dei due scrittori attraverso immagini inedite che rievocano la più antica popolazione del vecchio continente i Celti. Una popolazione che ebbe il pregio di formare nel corso dei tempi una cultura legata alla madre terra sino a contaminare tutte le popolazioni del pianeta. Un film che fa rivivere il cuore pulsante del cestismo, troppo spesso dimenticato, a volte di proposito a volte per sbadataggine di una certa cultura odierna. Giovedì 11 novembre al cinema Empire di piazza Vittorio veneto 5 alle ore 21.30 (ingresso libero) il pubblico potrà assistere e regalarsi 50 minuti di emozione storico culturale e vedere le radici della propria esistenza.

Il film d’altronde nasce da vere indagini storiche di Barbadoro e Nattero sulle culture celtiche dell’Europa ma anche dal loro lavoro all’ONU in difesa dei luoghi sacri e delle tradizioni dei Popoli indigeni. Determinanti alla riuscita e alla realizzazione del film sono state le collaborazioni nate con le comunità Apache, gli Aborigeni Australiani e Africani e soprattutto con le comunità druidiche della Bretagna. Un percorso che parte dalle tradizioni ancestrali del Piemonte sino a toccare le culture druidiche della Bretagna facendo riscoprire le tradizioni celtiche ancora vive in Europa e i profondi legami con le culture dei Popoli naturali di tutto il pianeta. Un mediometraggio che rappresenta un vero e proprio itinerario tra danze tradizionali, riti e interviste ad esponenti Nativi di tutti i continenti.

Cover libro il cuore antico“Il libro da cui è tratto il film – dice Barbadoro – racconta dei primi mitici abitanti autoctoni del continente auropeo, descritti nelle tradizioni orali delle “Famiglie celtiche” come piccoli sauri ricoperti di piume colorate, intelligenti e realizzatori di opere di vario genere. Poi

l’ arrivo a più ondate, sul suolo europeo dei popoli migranti dall’Africa, come i neandarthaliani, intorno ai 300.000 anni orsono, e i più recenti cromagnon di 50.000 anni fa, per concludere con il passaggio, nel periodo di 3.000- 1.500 anni aC, dei Pelasgi, o “popoli del mare”, che fuggivano dall’immane catastrofe dell’attuale Mar Nero, che venne invaso dalle acque del Mediterraneano”.

Una “pellicola” internazionale, presentata all’ONU di New York in occasione del Forum permanente sulle questioni indigene, prodotta dalla Ecospirituality Foundation Onlus in collaborazione con Apache Survival Coalition – Arizona, Wiran Aboriginal Corporation – Australia, Menhirs Libres – Bretagna.

“Il lavoro all’ONU – dichiara Nattero – nell’ambito del Forum permanente sui Popoli indigeni, i contatti e le collaborazioni con gli Apache, gli aborigeni australiani e i Nativi africani, ci hanno dato modo di verificare quanti legami esistano tra le culture celtiche dell’Europa e le tradizioni dei Nativi di ogni continente. Una tradizione comune che percorre trasversalmente il pianeta, di cui non c’è apparente traccia eppure è presente in tutti i continenti. Abbiamo cercato di tradurre tutto questo nel documentario Il Cuore Antico.

Tra l’altro, questa nostra ricerca ci ha stimolati dare una visibilità alla cultura celtica attraverso l’edificazione di uno Stone Circle in Piemonte, e a divulgare l’antica arte della Kemò-vad, la meditazione dinamica dei druidi”.

La serata dell’11 novembre rappresenterà quindi la prima italiana del film, dopo la proiezione interverranno Giancarlo Barbadoro e Rosalba Nattero, promotori e delegati ONU e rappresentanti di Apache Survival Coalition-Arizona, Menhirs Libres-Bretagna Wiran Aboriginal Corporation-Australia, Mbog Parlément-Camerun.

Nell’occasione alle ore 20 la tradizione antica dei Celti sarà inaugurata dal un Buffet Celtico.

di Gino Steiner Strippoli