I Tarocchi | Sudate Carte Curiosità IV edizione

marzo 2, 2006 in Sudate Carte da Stefania Martini

Tarocchi

Chi mi ha fatto le carte mi ha chiamato “Vincente”, ma lo zingaro è un trucco e un futuro invadente …

(Rimmel, Francesco de Gregori).

Fin dall’antichità i Tarocchi hanno assunto un significato arcano: la tradizione li fa risalire addirittura al cosiddetto “Libro di Thot”, il dio egizio conosciuto come “il Signore dei libri”, saggio, sapiente e mago. Thot era stimato per i suoi libri di magia, testi di profonda conoscenza.

In particolare, le 22 carte che raffigurano gli “Arcani Maggiori” dei tarocchi, rappresentano i 22 capitoli in cui era suddiviso il “Libro di Thot”.

Un mazzo di Tarocchi conta 78 carte: come detto 22 detti Arcani Maggiori e 56 Arcani minori suddivisi in quattro “semi”: 14 denari, 14 coppe, 14 spade e 14 bastoni, numerati dall’uno al dieci, cui si aggiungono un fante, una donna ed un re.

Nell’arte della lettura dei tarocchi vengono utilizzati gli Arcani Maggiori, ognuno dei quali ha un significato specifico, più la carta bianca; ad essi si affiancano i 56 Arcani Minori, legati a valori essenzialmente numerici.

Per esempio, il Matto, primo arcano maggiore, è la carta che rappresenta il disordine, la confusione ma anche l’istinto.

Il terzo arcano maggiore, la Papessa simboleggia la conoscenza, lo spirito, l’introspezione.

Altra carta molto nota è il Carro che assume valore di vittoria, successo, equilibrio. E poi l’Appeso che riassume l’idea del sacrificio, della dedizione, dell’altruismo.

Ancora, l’arcano numero 14, la Morte che, a differenza di quanto si può pensare, è simbolo di cambiamento radicale, di trasformazione, ma anche di indifferenza ed accettazione.

Infine, gli arcani maggiori 21 e 22, il Giudizio e il Mondo che rappresentano la conoscenza e la coscienza, la realizzazione e la perfezione.

di Stefania Martini