Giornata FAI di primavera

marzo 28, 2005 in Attualità da Barbara Novarese

Il FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano ha dato l’opportunità di visitare gratuitamente centinaia di luoghi e di monumenti di solito chiusi al pubblico.

A Torino, la giornata di domenica è coincisa con il blocco del traffico nell’area centrale e con l’inaugurazione de “I portici di Via Nizza”: progetto di riqualificazione che l’Amministrazione comunale attuerà nell’area adiacente alla Stazione Porta Nuova.

Sotto un sole primaverile ed una temperatura quasi estiva, è stato possibile accedere agli “appartamenti degli stucchi bianchi del Castello del Valentino”

e alle “Antiche Vetrerie Berruto”, con una piccola esposizione di manifesti FAI.

L’offerta culturale della XIII Edizione della Giornata FAI di Primavera è stata realizzata con l’aiuto di 7.000 volontari che offrono costantemente il loro contributo per la divulgazione e la difesa delle bellezze artistiche e ambientali d’Italia. Questo, infatti, è l’impegno cui si sta dedicando il FAI, da 30 anni.

Dei 400 monumenti sparsi in tutt’Italia, eccezionali le aperture di:

Grattacielo Pirelli

considerato, con il Duomo, uno dei simboli di Milano, costruito tra il 1955 ed il 1959 su progetto di Ponti, Fornaroli, Rosselli, Valtolina, Dell’Orto, Nervi.

Spezieria di S. Maria della Scala a Roma

gioiello nascosto nel convento dei Carmelitani Scalzi, conserva gli arredi originali del Settecento.

Lanterna dei Montorsoli a Messina

edificata da Giovannangelo Montorsoli nel 1555 con la finalità di aiutare i naviganti che rischiavano di affondare nell’insidioso gorgo “Calofaro”.

Ca’ Dario a Venezia

magnifico e leggendario Palazzo rinascimentale affacciato sul Canal Grande con le mura ornate da marmi policromi e con i camini di tipica sagomatura veneziana.

di Barbara Novarese