Galileo, Venezia e la Luna

novembre 17, 2009 in Viaggi e Turismo da Redazione

anno astronomiaNell’ambito delle celebrazioni per l’“Anno internazionale dell’astronomia”, l’Ufficio UNESCO di Venezia – Ufficio Regionale per la Scienza e la Cultura in Europa (BRESCE) – ospita fino al 27 novembre, presso la sua sede di Palazzo Zorzi, la mostra storico-scientifica Galileo, Venezia e la Luna, organizzata in collaborazione con l’INAF – Osservatorio astronomico di Padova.

La mostra – curata dalla storica dell’astronomia Luisa Pigatto, docente all’Università di Padova – ripercorre, attraverso riproduzioni di immagini dei secoli XVI e XVII e di foto recenti, i luoghi frequentati a Venezia da Galileo negli anni in cui fu pubblico professore all’Università di Padova (fu proprio a Venezia, infatti, che il frate servita Paolo Sarpi lo incitò a costruire il cannocchiale, e fu a fra’ Paolo, all’interno del convento dei frati Servi di Maria, che Galileo si affrettò a mostrarne i risultati).

Vengono inoltre illustrati i disegni della Luna eseguiti da Galileo quando, nel 1609, rivolse per la prima volta il cannocchiale al nostro satellite dando il via a una serie di scoperte che hanno rivoluzionato l’astronomia.

Sono altresì riprodotte alcune delle numerose mappe della Luna che si susseguirono nel Seicento, nel Settecento e nell’Ottocento fino ad arrivare ai grandi atlanti fotografici d’epoca moderna e alle foto in diretta della superficie lunare.

Un vero e proprio percorso di evoluzione della cartografia lunare strettamente legato al perfezionamento delle ottiche per cannocchiali.

La mostra, di carattere prettamente iconografico, è stata realizzata anche grazie al contributo di istituzioni quali il National Maritime Museum di Greenwich-Londra e i Musei Vaticani.

Contemporaneamente alla mostra sarà possibile assistere in anteprima alla proiezione dei trailer delle ultime produzioni di Gruppo Alcuni – una delle maggiori strutture multimediali di produzione per l’infanzia in Europa che realizza, tra le altre, serie di cartoni animati e programmi trasmessi in molte emittenti di tutto il mondo.

In particolare verranno presentati due tra i videoboard vincitori del “Progetto Acqua H2Ooooh!” (un’iniziativa didattica sul cartone animato rivolta a tutte le scuole, realizzata in collaborazione con L’Ufficio UNESCO di Venezia e che verrà trasmessa da Rai Due).

Sarà possibile inoltre vedere in anteprima il trailer e un episodio dell’innovativo programma televisivo in tecnica mista “Eppur si muove – Galileo” e il trailer dell’attesissimo lungometraggio in 3D “Cuccioli – Il Codice di Marco Polo” che sarà nelle sale cinematografiche dal 22 gennaio 2010.

Galileo, Venezia e la Luna

Sede dell’UNESCO-BRESCE, Palazzo Zorzi, Castello 4930 Venezia

Fino al 27 novembre: lun-ven 10.00-16.00.

Ingresso gratuito.

Per prenotazioni: 041 260 15 11.

di Redazione