EuroJazz Festival Ivrea

marzo 8, 2001 in Spettacoli da Claris

16952(1)Nella splendida cornice del Teatro Giacosa di Ivrea, ambiente ideale per apprezzare i virtuosismi dei migliori artisti jazz, venerdì e sabato si svolge la 21a edizione dell’EuroJazz Festival.

Anche quest’anno la rassegna prevede tre tappe di avvicinamento al clou della kermesse: ieri al Teatro Garybaldi di Settimo Torinese c’è stato il live del torinese Gianpaolo Petrini. Questa sera, h. 21.00, a Pinerolo, al Circolo Sociale, è di scena l’Italian Saxes Ensamble, gruppo di recente costituzione, ma già affermato nella positiva considerazione della critica e del pubblico. Gli artisti propongono l’avvicinamento del jazz alla musica orchestrale, o meglio la rivisitazione del materiale dei giganti della musica afro-americana (Charlie Parker, Bill Evans… per citarne alcuni) con l’intera sezione orchestrale. Come special guest della serata è annunciato Tom Kirkpatrick, trombettista americano di chiara fama internazionale.

Domani sera, 8 marzo, Gianni Basso ed il suo quartetto sono di scena al Teatro Perempruner di Grugliasco. Il musicista jazz più famoso in Italia è un habitué dell’Eurojazz, per il piacere del numeroso pubblico che apprezza il suo stile pulito ed efficace e che lo può ascoltare anche nella serata conclusiva, sabato a Ivrea, accompagnato da Andrea Pozza, uno dei migliori pianisti italiani, da Reggie Johnson, bassista americano tra i più ricercati e Alvin Queen, batterista dalle perfette qualità ritmiche.

Come tradizione, l’Eurojazz ospita, tra venerdì e sabato, artisti rappresentativi, garantendo un ampio ventaglio di proposte e linguaggi per un’interessante escursione attraverso i territori della musica contemporanea. La rassegna eporediese, una delle più longeve manifestazioni dedicate al ritmo afroamericano, è ormai entrata nella tradizione del circuito internazionale: sul palco, infatti, hanno suonato i nomi più prestigiosi della scena continentale e americana, consolidando per il mondo la fama di questo festival che aumenta il turismo nel post carnevale canavese.

Pur proponendo notevoli ospiti internazionali, quest’anno il Festival concede maggior spazio a formazioni italiane, a dimostrazione di una qualità e di un livello ormai alto tra i musicisti nazionali che esportano ovunque le loro doti di primissimo piano.

L’edizione numero 21, inoltre, ha un padrino d’eccezione, Piero Angela, il famoso documentarista scientifico televisivo, grande appassionato di jazz e musicista di pianoforte, che qui ad Ivrea, oltre a presentare le due serate, il pomeriggio di sabato 10 marzo coordina un seminario sull’improvvisazione del jazz al Teatro Giacosa, ingresso gratuito.

Soffermiamoci sulle attrazioni della rassegna nella magica bomboniera che è l’ottocentesco Teatro Giacosa di Ivrea. Si inizia venerdì 9 con la formazione di Emanuele Cisi e Luigi Martinale, impegnati nel progetto “Jazzinaria”, una rivisitazione in chiave jazzistica di canzoni firmate da autori italiani negli anni Trenta e Quaranta. E’ una proposta originale, risultato di una profonda ricerca che ha riportato alla luce splendide melodie e ha permesso loro di acquistare, nella rivisitazione jazz, forme e sentimenti più moderni.

La serata si conclude con il concerto dell’Orchestra Nazionale Francese di Jazz diretta da Paolo Damiani. Trattasi di un evento d’assoluto valore, arricchito dalle musiche presentate, appartenenti al “progetto Charmediterraneo”, i cui cardini di ricerca sono l’improvvisazione modale, il ruolo del ritmo e del canto, il lavoro di gruppo.

Sabato gran finale con il Quartetto di Gianni Basso, come detto, e, in chiusura, con la superstar Frank Foster, il mitico arrangiatore, compositore e autore dell’orchestra di Count Basie, qui affiancato dal suo famoso Quintetto. Vincitore di due Grammy Award, Frank Foster festeggia oltre mezzo secolo nel mondo musicale.

Come si vede dai nomi presentati, questo 21° Eurojazz Festival attraversa vari linguaggi, per un’interessante escursione attraverso tensioni creative caratterizzate da continui approcci innovativi.

Una nota di merito per questo ricco programma va sicuramente agli organizzatori, AICS provinciale di Torino e Associazione ControMusica, nonché, come tradizione, al padrino del jazz piemontese, il direttore artistico Sergio Ramella, ed ai promotori, Provincia di Torino, Comune di Ivrea e Regione Piemonte. Nota assolutamente positiva i prezzi, che rimangono contenuti ed invariati rispetto agli anni precedenti, tra le 15 e le 25 mila lire. Nota negativa, o meglio di rammarico, per i tiratardi senza limiti, come i cultori del jazz sono, la mancanza delle jam session gratuite post teatro.

EuroJazz Festival Ivrea

Periodo: 6 – 10 marzo ’01

Informazioni: tel. 011.561.39.25; fax 011/561.18.28

Programma

mercoledì 7 marzo – Pinerolo – Circolo Sociale (h. 21)

ITALIAN SAXES ENSEMBLE

giovedì 8 marzo – Grugliasco – Teatro Perempruner (h. 21)

GIANNI BASSO QUARTETTO

venerdì 9 marzo – Ivrea – Teatro Giacosa (h. 21)

LUIGI MARTINALE QUARTET, guest EMANUELE CISI

ORCHESTRE NATIONAL DE JAZZ DE FRANCE, diretta da Paolo Damiani

sabato 10 marzo – Ivrea – Teatro Giacosa (h. 21)

GIANNI BASSO QUARTETTO

FRANK FOSTER QUINTET

Ingressi

concerti Settimo T.se, Pinerolo, Grugliasco: L. 15.000+ prev.

singola serata a Ivrea: L. 25.000+ prev.

abbonamento 2 serate a Ivrea: L. 45.000 + prev.

Prevendite

CD MAIL – via Bertinatti, 7- Ivrea tel. 0125.455.02

AICS – via Massena, 2 – Torino (tel. 011.561.39.25)

Indirizzi

Teatro Giacosa – p.za del Teatro, 1 – Ivrea – tel. 0125.402.67

Teatro Perempruner – p.za Matteotti, 39 – Grugliasco – tel.011.787.780

Circolo Sociale – via Duomo, 1 -Pinerolo – tel. 0121.719.00

Teatro Garybaldi – via Garibaldi, 4 – Settimo T.se – tel. 011.897.08.31

di Claris