Ecomaratona o Ecomaretona?

giugno 17, 2010 in Sport da Redazione

EcomaratonaDal 1 luglio fino al 31 agosto, prende il via la terza edizione di Ecomaretona, la corsa a tappe più lunga d’Italia. E’ un evento ecologico-sportivo senza scopo di lucro che ormai da tre estati unisce l’Italia da Nord a Sud. Per 60 giorni si percorrerà l’Italia per monitorare le nostre coste e sensibilizzare la gente ai temi dell’ambiente.

Alcuni numeri:

Oltre 1200 chilometri di corsa,

9 Regioni da attraversare da Nord a Sud,

3 Isole da raggiungere (Sardegna, Sicilia, Isola d’Elba),

più di cento comuni in cui fermarsi,

59 tappe, la più lunga di 19 chilometri, la più corta di 8 chilometri.

Ecomaretona 2010 parte da Torino e Savona in staffetta, passando in Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Lazio, Toscana e, infine, Liguria, poi si percorrono le coste della Sardegna e della Sicilia. Si scende lungo lo stivale, e si riparte da Reggio Calabria per ritornare lungo il Tirreno fino a Ventimiglia, toccando anche l’isola d’Elba, per finire con una Tappa speciale a Montecarlo.

L’idea di Ecomaretona è dell’imprenditore torinese Giuseppe Tamburino che progetta e organizza eventi da più di vent’anni. E’ stato il tour della Fiamma Olimpica per lo sponsor Samsung, organizzato da Tamburino in occasione delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006, a dargli materia su cui riflettere e spunti per il lancio di Ecomaretona e del suo contenuto cardine: dimostrare che un’attività fisica sana e pulita come la corsa può e deve associarsi al rispetto e alla valorizzazione dell’ambiente.

Giuseppe Tamburino è un runner che ama correre perché è convinto sia possibile mettere insieme corsa e ambiente, cercando di introdurre nei gesti e nei comportamenti quotidiani cambiamenti che si realizzano passo dopo passo.

La sua non è l’impresa di un sognatore, ma l’avventura di un uomo che corre in mezzo alla gente, con la gente, per vedere l’Italia da un punto di vista speciale e particolarissimo. Per scoprire qual è il vero stato delle coste italiane, ritrovare bellezze dimenticate, località e spiagge più o meno famose, documentare situazioni di eccellenza, di abbandono e di degrado.

Il suo viaggio “correndo” serve a descrivere aree e zone di bellezza ancora non contaminata, ma anche per raccontare ciò che sulle coste del nostro Paese proprio “non funziona” o “funziona benissimo”.

Ecomaratona1200 kilometri e 59 tappe in 62 giorni, 59 EcoVillage in altrettanti paesi e città.

Giorno dopo giorno, chilometro dopo chilometro, Tamburino e gli “ecomaretoneti” percorreranno le coste italiane riscoprendo eccellenze, bellezze e risorse, ma anche registrando situazioni di degrado e di cattivo utilizzo. Un’esperienza coinvolgente ed entusiasmante che fotograferà lo stato delle nostre coste con una particolare attenzione per:

  • numero e qualità delle spiagge pubbliche e dei servizi erogati

  • accessi ai diversamente abili alle spiagge

  • pulizia delle spiagge

  • sicurezza e sorveglianza delle spiagge pubbliche e private

    Ogni tappa è articolata in due momenti fondamentali:

  • Tutti i giorni tra le 18 e le 20 si corre la tappa di trasferimento, quella che porta gli eco maratoneti il più vicino possibile al mare e ai luoghi più significativi della costa.

  • Nei pressi delle grandi città, per dare modo a tutti di correre Ecomaretona 2010, si organizza una prima tappa di avvicinamento alla città con partenza alle ore 18,00 e alla sera, tra le 19 e le 20,00, parte una seconda tappa, più corta, per coinvolgere anche coloro che lavorano o che non sono runners allenati. Partenza e arrivo all’EcoVillage, percorrendo il lungomare.

    Per iscriversi a Ecomaretona basta connettersi al sito www.ecomaretona.it

    di Redazione sportiva